24 Settembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

GLI ALLIEVI S´INCAGLIANO SULLO STRETTO - D´Angelo e La Spada illudono. Poi lo Sporting Atene, trascinato da Nicolae, Bertè e Doumbia,travolge i rossoblù.

08-04-2018 09:20 -




CAMPIONATO PROVINCIALE ALLIEVI - FASE FINALE - GRUPPO 1 - GARA 3
MESSINA (ME) - "Gescal Stadium" - sabato 7/04/2018 ore 17


SPORTING ATENE MESSINA - 5
TORREGROTTA - 3


MARCATORI: 3´ D´Angelo (T), 5´ La Spada (T), 9´ Doumbia (S), 34´p.t. e 8´s.t. Berte´ (S), 16´s.t.Doumbia (S), 18´s.t.rig.Abate (T), 40´s.t.Nicolae (S)

SPORTING ATENE MESSINA: D´Andrea, Ballarò, Lombardo (1´s.t.Todaro), Doumbia (40´+3 s.t.Antonuccio), Gangemi S., Panarello (11´s.t.Gangemi V.), Ficarra A.dro (29´s.t.Pino), Bertè, Bongiovanni, Nicolae, Lopes (40´s.t.Patera)
a disp.: Carbonaro, Ficarra A.no
all.: A.nio Creazzo

TORREGROTTA: Foti, Cuttone, Arizzi (40´s.t.Cannistrà), Insana (40´s.t. Panzera), Antonazzo, Caselli, Cangemi (14´s.t.Abate), La Spada (40´s.t.Saporita V.), D´Angelo, Saporita P., Trovato (4´s.t.Azzarà)
a disp.:
all.: M.Meo

ARBITRO: Giuseppe CLEMENTE (Messina)

ANGOLI: 2-2 (p.t.0-0)
RECUPERO: 3´ + 7´50"
AMMONITI: 6´p.t.Arizzi (T), 4´s.t.La Spada (T), 15´s.t.Antonazzo (T), 28´s.t.Ballarò (S), 35´s.t.Todaro (S)
ESPULSO: 23´p.t.Saporita P. (T)
OFF-SIDES: 1-1 (p.t.0-0)

L´aria dello Stretto sembra non sia congeniale per gli Allievi del Torregrotta che dopo lo stiracchiato 0-0 strappato al Gescal, questa volta, sempre sullo stesso rettangolo di gioco del "Gescal Stadium", devono segnare il passo, opposti ad uno Sporting Atene che a secco dopo i primi due turni, ha giocato con la grinta e la determinazione di chi aveva l´assoluta necessità di muovere la classifica per non riporre subito nel cassetto le proprie ambizioni. Nulla di compromesso, sia chiaro, per gli "under17" torresi, che nel girone di ritorno avranno i due match casalinghi con le messinesi e la sola trasferta di Milazzo col Don Peppino Cutropia per conquistare uno dei due posti utili per le semifinali, ma di certo, il passo falso fatto registrare nel sabato pomeriggio del "Gescal Stadium", rappresenta un piccolo ma importante campanello d´allarme del quale occorre tenerne conto.
Si ferma dunque a 36, il numero delle gare utili consecutive di questo undici, la cui imbattibilità durava dal 23 gennaio 2016 (Don Peppino C.-Torregrotta-3-2) cui avevano fatto seguito 26 vittorie e 10 pareggi, ivi compreso il rocambolesco 4-4 della semifinale play-off col Valdinisi persa poi ai calci di rigore il 13 maggio di un anno addietro.

LA CRONACA

Il Torregrotta sblocca subito il risultato. Su un macchinoso disimpegno difensivo dei padroni di casa, Cangemi si incunea tra portiere e difensore e ruba palla sulla destra a Lombardo, mette prontamente in area dove D´Angelo d´anticipo tocca d´esterno insaccando alla sinistra di D´Andrea.
La squadra di casa sembra accusare il colpo più del dovuto e non ha neppure il tempo di riorganizzare le idee che il Torregrotta sulle ali dell´entusiasmo per l´immediato vantaggio trova il raddoppio con La Spada, abile nello sfruttare l´attimo di sbandamento dei locali, calciando dalla linea di centrocampo una palombella che sorprende il portiere fuori dai pali.
Tramortita dal fulmineo "uno-due" iniziale, la squadra di casa trova la forza per accorciare le distanze in breve tempo. La manovra si snoda sull´asse Nicolae-Bongiovanni, con servizio di quest´ultimo in corridoio laterale per Doumbia che entra in area leggermente decentrato sulla destra e sull´accenno di uscita di Foti, insacca tra palo e portiere.
23´ La squadra di Matteo Meo resta in inferiorità numerica a causa dell´espulsione di Paolo Saporita che a centrocampo, reagisce in maniera poco ortodossa nei confronti di un avversario inducendo l´arbitro ad estrarre il rosso diretto all´indirizzo del n.10 tirrenico.
34´ Sporting che perviene al pari con Bertè, che raccogliendo un pallone respinto nei pressi del limite dell´area rossoblù, penetra in area e di sinistro batte alla destra di Foti vanamente proteso in tuffo.
8´ s.t. La squadra di casa completa la rimonta portandosi in vantaggio: sul primo corner della partita a favore dello Sporting, spiovente col contagiri di Nicolae sul secondo palo dove Bertè ben piazzato arriva in corsa e di testa non concede scampo a Foti firmando la personale doppietta e il gol del sorpasso.
16´s.t. Ancora da calcio dalla bandierina, i rossoblù capitolano nuovamente. Solito spiovente in area dove stavolta è lo scatenato Doumbia che emulando Cristiano Ronaldo, si esibisce in una spettacolare sforbiciata che si insacca sotto la traversa.
18´s.t. A cercare di raddrizzare le cose, ci pensa il rientrante Simone Abate che entrato in campo qualche minuto prima, viene atterrato in area messinese. Per il signor Clemente non ci sono dubbi ed assegna la massima punizione che lo stesso giocatore trasforma spiazzando il portiere avversario e riducendo così le distanze sul 3-4.
22´s.t. Il Torregrotta impreca alla sfortuna quando su calcio di punizione, ancora Abate si rende pericoloso, mandando la sfera a stamparsi contro il palo alla destra di D´Andrea apparso ormai battuto.
28´s.t. Con i rossoblù generosamente alla ricerca del pari, si aprono ampie praterie per i pericolosi contropiede con la retroguardia torrese spesso in affanno davanti alle scorribande delle punte locali. Su uno di questi, Alessandro Ficarra si presenta solo dinanzi a Foti che gli chiude la strada ed evita il peggio.
29´s.t. Sussulto d´orgoglio rossoblù con Antonazzo che su punizione serve in area D´Angelo il cui colpo di testa da distanza ravvicinata trova D´Andrea pronto ad una miracolosa respinta d´istinto oltre la traversa.
40´s.t. Lo Sporting mette al sicuro il risultato e lo fa a conclusione di una rapida combinazione tra Doumbia e Nicolae con il giovane rumeno che suggella la sua ottima gara, ricevendo palla in area dal compagno e da posizione defilata scaricare in diagonale alle spalle del malcapitato Foti per il definitivo 5-3 con il quale dopo un maxi-recupero di quasi 8 minuti, si chiude un match che dopo l´illusorio doppio vantaggio, condanna il manipolo rossoblù ad una inattesa sconfitta, rimettendo tutto in discussione in ottica semifinale.
Sabato 14 frattanto, si apre il girone di ritorno del quadrangolare, con La Spada e soci chiamati a frenare la corsa di un Gescal sempre più lanciato verso la fase successiva.


Realizzazione siti web www.sitoper.it