24 Settembre 2021
NEWS
percorso: Home > NEWS

AMICHEVOLE CON LA RAMET PER PREPARARE GALATI - Enzo Borelli: Squalificato si, ma certamente mai in malafede.

24-01-2013 07:30 -
81´ di Torregrotta-Sacro Cuore. Aricò (primo da destra in maglia rossa) ha appena insaccato.


Amichevole questa sera al Comunale, per Enzo Borelli ed il suo Torregrotta che scalda i motori ospitando a distanza di poche settimane dal precedente, la formazione di Rometta Superiore del Ramet, militante in Terza Categoria, degli ex De Luca, Platania e Andrea Visalli (quest´ultimo nel ruolo di tecnico della compagine romettese).

Nel corso della sgambatura, il tecnico romano, alle prese con le sicure assenze di Gregorio Battaglia (l´esterno destro classe ´95 ne avrà ancora per qualche settimana) e di Ciccio Romeo, appiedato dal Giudice Sportivo a seguito del quarto cartellino giallo rimediato nel corso della ripresa del derby col Sacro Cuore, valuterà le varianti da apportare allo schieramento da opporre domenica alla Mamertina, anche alla luce di alcune modifiche trapelate nel corso della seduta di allenamento diretta ieri sera e che lasciano intendere che l´allenatore capitolino potrebbe presentare nell´insidiosa trasferta sui Nebrodi, un undici iniziale, in parte assolutamente inedito.

Rientrato nei ranghi, ad allenarsi con i compagni, il centrale di difesa Rocco Pino, che sembra aver assorbito del tutto, i postumi dell´infortunio patito in allenamento alla vigilia della gara contro la Delfini Vergine Maria, mentre non ha sostenuto la robusta seduta atletica di ieri sera, il giovanissimo terzino Antonio Pirrone, assente per via del riacutizzarsi di alcune noie ad un ginocchio.

Se la squalifica di Romeo era per forza di cose inevitabile e quindi ampiamente prevista, non poca sorpresa in casa ASD, ha destato frattanto la decisione del Giudice Sportivo, di comminare alla società l´ammenda di 150 euro, cui si sono aggiunte l´inibizione fino al 5 febbraio del Vice-Presidente del sodalizio, Totuccio Sindoni, e la squalifica di Enzo Borelli fino al 10 febbraio, scaturite al triplice fischio di chiusura del signor Rinaldi.
"Ho soltanto espresso, in maniera decisa ma civile, il mio punto di vista sull´episodio del gol non convalidato ad Aricò - è il commento amareggiato del tecnico capitolino alla comunicazione della squalifica - d´altronde era apparso evidente a tutti, avversari compresi che nella circostanza non avevano segnalato alcuna posizione irregolare, che il nostro centravanti fosse partito da dietro sul traversone di Scibilia. L´errore umano ci sta e quindi la decisione arbitrale va sicuramente rispettata anche se è stata a nostro discapito. Dove non ci sto è allorquando vengo tacciato di malafede, come è avvenuto domenica nei miei confronti, quando anche le immagini televisive hanno confermato senza tema di smentita la mia lealtà."
Chiesti se e quali possibili contraccolpi psicologici possano derivare dalle recenti battute a vuoto, Borelli non fa una piega: "Ho sempre sostenuto sin dall´inizio di questa stagione, che questa è una squadra caratterialmente forte e che finora è stata superata solo per degli episodi. Tranquilli, la sconfitta di domenica scorsa è già alle spalle dei ragazzi che sono proiettati sul prossimo match dove sono certo che disputeranno come sempre una gara gagliarda, contro un avversario sicuramente tosto e perfettamente calato nella realtà del nuovo campionato, guidato da un tecnico giovane ma che ha già le idee chiare e che merita tanto rispetto per l´ottima stagione che sta disputando con la sua squadra".

Realizzazione siti web www.sitoper.it