12 Luglio 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

BRUTTO MA CON UN GRANDE CUORE - Caragliano e un guizzo all´85´ di Giovanni Cambrìa, fermano il Montemaggiore. Al Comunale finisce 2-2

21-10-2012 20:30 -
15´ Saporita firma il gol dell´1-1
CAMPIONATO PROMOZIONE SICILIANA - GIRONE B - 7^ GIORNATA DI ANDATA
TORREGROTTA - Campo Sportivo Comunale - 21/10/2012 - h.15,30


TORREGROTTA - 2
MONTEMAGGIORE - 2


Marcatori: 4´ Vegna (M), 15´ Saporita (T), 19´ Miranda (M), 85´ G.Cambrìa (T)

TORREGROTTA: Caragliano, Sframeli (65´ Impalà), Mento, Cucè, G.Cambrìa, Borelli, Sciliberto (63´ Arnò), Iorio (80´ Mangano), Andaloro, F.Scibilia, Saporita
A disp.: D.Cambrìa, Romanzo, Grosso, Puleo
All.: E.Borelli

MONTEMAGGIORE: Bruno, Badalamenti, Cordova, Iannolino, Miranda, A.Bertolino, Caronìa, Corsino, Giannò, Vegna (72´ Li Manni), Montalbano
A disp.: Faraci, Prestìa, Bertolino P., La Sala, Spica, Biddeci
All.: A.Schillaci (in 2^)

ARBITRO: Filippo TILARO di Enna
ASSISTENTI: Sebastiano D´ANTONE e Silvestro MESSINA di Catania

CORNER: 2-2 (p.t.2-0 per il Torregrotta)
RECUPERO: 1´ + 5´
AMMONITI: 33´ Corsino (M), 69´ Cucè (T), 81´ Badalamenti (M)

Un lampo di Giovanni Cambrìa a 5´ dal termine dei 90 regolamentari, ha consentito al Torregrotta di agguantare il Montemaggiore, concludendo sul 2-2 il match disputato questo pomeriggio al Comunale e che ha visto contrapporsi alla ben organizzata formazione ospite, guidata in panchina dall´allenatore in seconda, Schillaci, al posto del convalescente Pino Zappìa (cui rivolgiamo l´augurio di una pronta guarigione...ndr), un Torregrotta apparso nella circostanza, come definito a fine gara dallo stesso Enzo Borelli, il peggior Torregrotta finora visto all´opera.

Merito senza dubbio dell´undici madonita che ha avuto per lunghi tratti il pallino del gioco in mano, sfiorando in più di una circostanza altre marcature e si deve alla prova maiuscola di Niko Caragliano se al triplice fischio il risultato è stato di parità.
Va tuttavia sottolineata a merito di Beppe Borelli e soci, la prova di caparbietà ugualmente sfoderata nonostante la giornata non ottimale di diversi elementi in campo, che aggiunta alle assenze pesanti in difesa ed a centrocampo, hanno finito col condizionare non poco le operazioni.

Partita condotta dalle due squadre, a viso aperto ma giocata sempre su livelli di estrema correttezza da tutti e 22 gli uomini in campo.
La prima fase del match è di marca ospite, con il Montemaggiore che parte a spron battuto e sblocca immediatamente il risultato dopo soli 4´ quando per un intervento irregolare di Andaloro, Vegna calcia dalla sinistra una punizione al veleno, che incocca nello stinco di capitan Borelli, mettendo fuori causa Caragliano.
Il Montemaggiore vede il Torregrotta in difficoltà e tenta di approfittarne con Caronìa che impegna Caragliano in tuffo sulla sua destra.
Assorbito lo sbandamento dello svantaggio a freddo, il Torregrotta comincia a fare capolino dalle parti di Bruno con un tiro di Giovanni Cambria servito da Saporita, sul quale l´estremo ospite para senza problemi, ma al quarto d´ora esatto di giuoco, Fabio Scibilia riceve palla sulla sinistra e visto Saporita in area, serve un preciso cross sul quale il giovane attaccante in elevazione, anticipa Bruno in uscita e firma il provvisorio 1-1 (nella foto).
Neppure il tempo di assaporare il pari appena raggiunto e gli ospiti tornano avanti col punteggio ancora una volta sugli sviluppi di una palla inattiva. E´ il 19´ quando il Montemaggiore usufruisce di una punizione dal versante sinistro dell´attacco palermitano. Se ne incarica il solito capitan Vegna che scodella in area un pallone sul quale Miranda batte sul tempo il diretto avversario e gira in rete portando il risultato sul 2-1 per i suoi.
Al 25´ i rossoblù si ripresentano dalle parti di Bruno con un´articolata manovra all´altezza dei 20 metri, conclusa da Fabio Scibilia con un tiro che si perde a lato alla sinistra del portiere ospite.
Le occasioni migliori però sono ancora del Montemaggiore che al 28´ su lungolinea sull´out di destra opertato da Cordova, mette Vegna nella possibilità di tirare un diagonale che termina di poco alla destra di Caragliano proteso in tuffo. Lo stesso Vegna, su cross in area da sinistra, viene provvidenzialmente anticipato al momento di concludere in elevazione.

Nella ripresa, si attende un Torregrotta più tonico e votato all´offensiva per recuperare lo svantaggio. Ci prova Andaloro al 54´ con una percussione dal vertice destro dell´area di rigore degli ospiti, conclusa con un tiro che finisce sull´esterno della rete.
Al 70´ episodio contestato in area rossoblù sugli sviluppi di una punizione calciata da posizione centralissima ad opera di Iannolino. Sulla traiettoria, Iorio allarga eccessivamente il braccio dal tronco e respinge il tentativo, causando le civili proteste della panchina ospite. Rigore quanto meno dubbio, ma il Sig.Tilaro opta per l´involontarietà.
Tre minuti più tardi, è Caragliano ad opporsi a Caronìa, dapprima tuffandosi sulla sua destra, quindi, sul proseguimento dell´azione, con un prodigioso intervento togliendo la sfera dall´angolo alla sua sinistra.
Al 76´ Torregrotta va vicinissimo al pareggio. Impalà ruba palla sulla trequarti ospite ad Antonino Bertolino e mette in area per l´accorrente Saporita che sulla pressione del suo marcatore alle spalle, tutto solo davanti a Bruno, calcia debolmente e centrale, favorendo l´intervento dell´estremo difensore.
Il pareggio giunge all´85´ quando su insistita manovra di Mangano ed Arnò nei pressi della bandierina del calcio d´angolo, la sfera dopo una serie di scambi brevi all´altezza dei 20 metri, giunge a Borelli che porge al meglio piazzato Giovanni Cambrìa che con un angolatissimo interno destro, sorprende Bruno insaccando alla sinistra.
Si attende il "serrate finale" dei rossoblù, ma il Montemaggiore gestisce con attenzione i restanti minuti di gioco, proponendosi nella metà campo torrese con Iannolino che impegna ancora una volta severamente Caragliano all´89´.
L´ultimo sussulto però lo regala il Torregrotta, che allo scadere del recupero, sull´ultimo assalto, consente a Borelli in area ospite, di porgere di testa un pallone sul quale però Arnò questa volta non ripete il miracolo di quindici giorni addietro contro la Mamertina.
Giunge il triplice fischio del direttore di gara che sancisce il risultato di parità, con gli ospiti che masticano amaro per una vittoria che ritenevano ormai alla loro portata, ma che premia la costanza dei rossoblù nell´inseguire un risultato che stava loro sfuggendo.
Per il Montemaggiore, si tratta di una frenata dopo quattro vittorie di fila, che allontana l´undici palermitano dalla capolista e che li vede raggiunti dal Rocca Caprileone, con il tandem Igea Virtus-Spadaforese, corsaro in trasferta, in agguato ad un punto.
Per il Torregrotta, un pareggio che serve comunque a muovere la classifica, in attesa dei prossimi impgni che riprenderanno dopo la sosta di domenica, con la trasferta di Barcellona Pozzo di Gotto in programma giovedi primo novembre.

PER VEDERE LE FOTO, CLICCA QUI

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account