23 Settembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

BUCCA: "CALMA RAGAZZI, NON SONO PAREGGI DA BUTTAR VIA" - Il portiere rossoblù fiducioso nonostante l´avvio col freno a mano tirato. Da stasera si pensa all´Aci Sant´Antonio

29-09-2014 21:45 -



A distanza di poco più di 48 ore dal terzo pari consecutivo, il secondo casalingo, maturato sabato contro il Città di Randazzo, Peppe Borelli ed il suo Torregrotta si sono ritrovati questa sera al Comunale, per dare avvio alla nuova settimana di allenamenti che da qui e fino alla rifinitura del giovedi sera, dovrà condurre Irrera e compagni al prossimo appuntamento in calendario.
Avversario di turno, sabato pomeriggio in esterna, l´Aci Sant´Antonio, che nell´ultimo match disputato, è tornato a mani vuote dal "La Carlina", superato dal Trecastagni con una rete in apertura del sempreverde Bracciolano e naviga insieme a Randazzo e Città di San Filippo del Mela, nelle retrovie della graduatoria, un punto appena sotto il terzetto di formazioni che precedono, una delle quali è proprio il Torregrotta, vantando peraltro il poco invidiabile primato dopo 360´ giocati, del minor numero di reti realizzate (nessuna) tra le 64 della categoria (primato condiviso con il Misterbianco militante nel girone B di Eccellenza).

E a proposito di Eccellenza, la prima seduta della nuova settimana, è stata allietata dalla visita "di cortesia", direttamente proveniente da Marsala, dell´estroso centrocampista Gino Giardina, torrese della frazione marinara di Scala, protagonista insieme al suo concittadino e compagno di squadra Davide Mento, della brillante affermazione in rimonta dei lilibetani contro il forte Kamarat, nel big-match della quarta di andata del girone A.
Di Gino infatti, il gol al 3´ della ripesa con il quale i marsalesi hanno riequilibrato l´incontro, seguito due minuti più tardi dal delizioso pallonetto vincente con il quale Davide Mento ha portato lo Sport Club Marsala, avanti sul 2-1 (risultato finale 3-2).

Tornando alle vicende di casa rossoblù, il pari col Città di Randazzo, per quanto abbia ancora una volta lasciato l´amaro in bocca per il modo in cui è maturato, non sembra turbare più di tanto i sonni della squadra. Di ciò se ne fa convinto portavoce Stefano Bucca, il guardiapali milazzese tornato ad indossare la casacca del Torregrotta dopo alcuni anni trascorsi a Barcellona sponda Nuova Igea ed al Città di Milazzo e che, alla richiesta di un parere sul periodo attuale della squadra e della partenza "al rallentatore", ha manifestato parecchia fiducia: "Comprendo a pieno la delusione del dopo-partita, ma posso subito dire che, vi sembrerà strano, ma questi di inizio stagione non sono risultati da buttare - afferma il portiere - soprattutto se guardiamo all´andamento delle gare nell´arco di tutti e 90 i minuti senza soffermarci sul fatto di essere stati in vantaggio e quindi nella possibilità di gestire noi le partite".
"In effetti - prosegue - si è trattato di gare che per come si stavano mettendo ad un certo punto, in altre stagioni avremmo probabilmente finito col perderle ed il fatto di essere riusciti comunque, Troina esclusa, a muovere sempre, sia pure di poco la classifica, va interpretato come un segnale positivo in chiave futura".
"Vedrete - chiude l´esperto pipelet torrese - che questi tre pareggi per i quali oggi storciamo un po´ il muso, ci torneranno utili quando il campionato comincerà ad entrare nel vivo e cominceranno ad arrivare i risultati anche per noi".

Realizzazione siti web www.sitoper.it