23 Ottobre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

"CI SIAMO SEDUTI TROPPO PRESTO, ADESSO A VENETICO PER GIOCARCI LA QUALIFICAZIONE" - Borelli esamina i 90 del Comunale ma vede il bicchiere mezzo pieno.

25-08-2014 15:00 -
Vittoria alla prima gara ufficiale e per di piu´ in un derby, e´ un risultato che autorizzerebbe a dispensare ottimismo a piene mani, ma che visto nell´ottica del doppio confronto non puo´ non far storcere il muso per come il risultato sia maturato a seguito della zampata galeotta di Buda, che dimezzando lo svantaggio dei suoi, ha lasciato in bilico le possibilta´ di passaggio del turno.
Potere della sfida giocata sull distanza dei 180´ e, ammettiamolo, di qualche eccesso di confidenza pagato a caro prezzo, se domenica i rossoblu´ si recheranno a Venetico con l´imperativo di dover gestire l´esiguo vantaggio.
Beppe Borelli non sembra tuttavia allarmarsi piu´ di tanto, anche se, piu´ che sottolineare la buona prova generale della squadr!a, preferisce evidenziare con la matita blu quel che non e´ andato, pur riconoscendo che si tratta pur sempre di una partita di inizio stagione.
Ne parliamo a mente serena, il giorno dopo il primo derby dell´anno che lo ha visto bagnare la prima panchina ufficiale da allenatore con un beneaugurante successo.

"Buono, direi ottimo, l´approccio alla partita - esordisce al telefono il tecnico - I ragazzi sono entrati in campo molto determinati. Peccato che sul doppio vantaggio abbiamo commesso l´errore di sederci con troppo anticipo, concedendo all´avversario un gol certamente evitabile e indubbiamente pesante in prospettiva della gara di ritorno."

Sull´ipotesi che possa aver inciso il caldo e la fatica accumulata nelle prime due settimane di preparazione, Borelli, pur concedendo ai suoi le attenuanti del caso, e´ quasi lapidario: "E´ vero che in questa fase della preparazione non possiamo pretendere di essere al top della condizione, ma la partita di ieri ha dimostrato una volta di piu´, che sono vietati cali di tensione fino al triplice fischio e che quando pensi di avere la partita in pugno, e´ invece il momento in cui l´errore o la disattenzione possono risultare fatali".

"Mi conforta ed e´ un ottimo segnale per il futuro - chiude Borelli - l´atmosfera che si respirava nello spogliatoio a fine partita, con la delusione della squadra per un risultato stretto. Si poteva per cosi´ dire festeggiare una vittoria nella prima partita ufficiale, invece in tutti c´e´ la coscenza di aver vinto solo il primo round e che domenica a Venetico sara´ difficile ma cercheranno di centrare l´obiettivo della qualificazione per proiettarci nel migliore dei modi sul campionato".


Realizzazione siti web www.sitoper.it