30 Ottobre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

GIUNTA "PARA" GLI ENTUSIASMI: "HO VISTO IL TORREGROTTA CHE VOGLIO IO, MA CI ATTENDONO ANCORA 10 BATTAGLIE" - Intervista al tecnico. Da stasera si pensa alla Santangiolese.

28-01-2014 06:30 -
Giannicola Giunta in azione durante la gara di domenica con la Fiumefreddese (foto Giuseppe Meo)


Un successo importante, reso decisamente più bello dalla prova sciorinata dalla squadra e da un primo tempo praticamente perfetto, completato da una ripresa durante la quale la Fiumefreddese ha cercato, invano, di riaprire le sorti del match allorquando i rossoblù, paghi del vantaggio, avevano mollato un po´ le redini, prima di siglare con "papà" Alessandro Aricò, il definitivo 4-1.

Cauto entusiasmo e ottimismo (che, detto per inciso, non è mai mancato), regnano sovrani in casa Torregrotta dopo il "rumoroso" successo di domenica ai danni di una diretta concorrente, che rappresentava per tutto l´entourage un appuntamento da non fallire e che ha regalato tre punti in classifica che hanno permesso di distanziare nuovamente il Riviera Messina Nord, naufragato di fronte allo Stretto contro il Randazzo e di portarsi ad una sola lunghezza dalla stessa Fiumefreddese che, risultati alla mano, sta attraversando una prolungata fase molto delicata della propria stagione, a dimostrazione che il pesante passivo rimediato domenica, non può essere addebitabile soltanto alle pur importanti assenze per squalifica.

Un piccolo ma significativo passo per l´undici torrese che ottiene così la seconda affermazione del 2014 dopo quella più risicata ma ugualmente pesante, del 5 gennaio ai danni della Ciappazzi. Difficilmente si potrà uscire in tempi brevi dalla palude della zona play-out, ma giocatori e tecnici, così come nelle dichiarazioni rilasciate in tempi non sospetti "a microfoni spenti", vogliono dare il massimo in questo girone di ritorno, conquistando più punti possibili.
La Fiumefreddese, come detto, rappresentava il primo di una serie di esami casalinghi contro dirette concorrenti e non si può dire che non si sia superato brillantemente, come ci dichiara nel "day after" il tecnico rossoblù. Giannicola Giunta: "E´ stata una vittoria fortissimamente voluta da tutti, giunta a conclusione di una gara nella quale abbiamo per lunghi tratti tenuto saldamente il pallino del gioco - afferma Giunta - Il primo tempo disputato dai ragazzi, è stato pressocchè perfetto per intensità e determinazione e credo che se al 45´ il risultato avesse assunto proporzioni più vistose, non ci sarebbe stato nulla da ridire."
Sul 3-0 c´è stato un leggero calo con gli ospiti che hanno avanzato sensibilmente il proprio raggio di manovra... "E´ vero - annuisce il tecnico - ma dopo un´ora di gioco a quei ritmi forsennati e con quel vantaggio acquisito, i miei avevano ritenuto che fosse finita ed hanno mollato un po´"

Così non è stato perché non appena gli ospiti hanno trovato il rigore che ha permesso loro di accorciare le distanze, hanno iniziato a crederci... "e qui ho visto la squadra che voglio io, cinica e spietata e che alla prima occasione ha rimesso le cose a posto, pervenendo alla quarta marcatura con lo splendido gol di Aricò che ha messo a tacere ogni velleità degli avversari".

Con una squadra così, e con i confronti diretti da disputare al Comunale, la speranza di una salvezza diretta è tutt´altro che campata in aria. Dovranno venire a Torregrotta, l´Atletico Villafranca, il Randazzo, il Castelbuono e nella giornata di chiusura il Riviera Nord..."Sarà un vantaggio da non buttar via, ma intanto pensiamo a giocare una partita alla volta, a cominciare dalla difficile trasferta di domenica a Sant´Angelo di Brolo, dove troveremo una squadra che sta disputando davvero un ottimo campionato, arrabbiata per la sconfitta subita con la Castelbuonese e che vorrà riprendere il cammino in classifica".

Quindi un severo banco di prova per i ragazzi: "Senza ombra di dubbio. Andremo in un campo molto caldo, ma sarà così fino alla fine della stagione e quindi meglio non farci condizionare da questi che considero aspetti secondari. In campo saremo in 11 contro 11 e dobbiamo saperci proporre e dire la nostra. Del resto, come ho sempre detto ai ragazzi, l´esito di un match dipende principalmente da noi e dal nostro modo di approcciare la gara."

Dando un´occhiata ai risultati del week-end, c´è stato qualche risultato che ti ha sorpreso in particolare? "Se devo essere sincero, no. Il pari del Milazzo in casa della Mamertina rientrava tra i risultati pronosticabili perché l´undici di Bontempo è una formazione battagliera e che sa farsi rispettare. L´altro risultato che può aver fatto "saltare" il banco è quello di Taormina, ma attenzione, il Castelbuono è una squadra allestita per le prime posizioni e che si trova lì ad un passo da noi, solo per caso. Vedrete che presto ne usciranno fuori e quindi attenzione a considerarla una pericolante."

Con questi tre punti conquistati, in che misura cambiano le prospettive della tua squadra in ottica salvezza? -"Calma, non abbiamo fatto ancora nulla. Abbiamo solo vinto una partita importante, ma la strada è ancora lunga e ci attendono 10 battaglie. Di positivo c´è che quella che andremo ad iniziare domani (oggi per chi legge...ndr) sarà una settimana di allenamenti con meno ansie e più convinzione nei nostri mezzi. La permanenza diretta è un obiettivo ampiamente alla portata. Lo era prima, lo è a maggior ragione adesso e faremo di tutto per raggiungerlo perchè lo meritiamo tutti e per tutti intendo squadra, tecnici ed una società che anche nei momenti peggiori non fa mancare mai il suo supporto".

Nel tardo pomeriggio intanto, come ogni martedi, è fissata la ripresa degli allenamenti. Archiviata la gara con la Fiumefreddese, bisogna pensare al prossimo match che vedrà i rossoblù impegnati al "Caldarera" di Sant´Angelo di Brolo, domenica alle 15 contro la locale formazione di mr.Francesco Palmeri.
Si tratterà della consueta seduta a ranghi ridotti per via dell´impegno degli "under" (saranno ben 9) che nel pomeriggio odierno saranno in campo nella vicina Villafranca Tirrena per la gara di campionato in calendario. Al tecnico spadaforese ed alle sapienti doti di preparatore atletico di Pippo Bonarrigo, il compito di condurre per mano la squadra al primo delicato appuntamento stagionale in terra nebroidea (gli altri sono in calendario il 15 marzo a Sinagra ed il 30 a Caprileone con la Mamertina).
Da valutare le condizioni dei difensori classe ´95 Simone Isgrò e Gregorio Battaglia, mentre torna disponibile per domenica il capitano "storico" della squadra, Beppe Borelli, che contro la Fiumefreddese ha scontato il turno di squalifica susseguente all´8^ ammonizione rimediata a Castelbuono prima della sosta, cedendo i galloni a Sciliberto che da buon capitano ha fornito una prestazione sopra le righe, assumendo il timone del centrocampo e dispensando palloni su palloni ai compagni.

Realizzazione siti web www.sitoper.it