23 Ottobre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

GLI ALLIEVI SI "CONDANNANO" DA SOLI - I rossoblù non vanno oltre l´1-1 con la Nuova Rinascita e accedono al play-out con la Giovanile Milazzo

21-03-2015 20:12 -




CAMPIONATO REGIONALE ALLIEVI - GIRONE C - 26^ ED ULTIMA GIORNATA
TORREGROTTA (ME) - Campo Sportivo Comunale - sabato 21/3/2015 - ore 15



TORREGROTTA - 1
NUOVA RINASCITA PATTI - 1


RETI: 35' p.t. Greco (NR), 40'+3' s.t. Mondo (T)


TORREGROTTA: G.Trovato, Mondo, Mamola (27' s.t. Puleo), Irrera, D'Andrea, Giorgianni, Crimaldi (1' s.t. Bellamacina), Falcone, Sapienza, E.Trovato, Marchese (27'p.t. Sittineri)
A disp.: Cutugno, Merlino, Chillè
All.: P.Pino

NUOVA RINASCITA: Costantino, Mita, Peci, Calabrese, A.Pino, Di Gregorio (15 s.t. T.Pino), Greco (30' s.t. Barone), Mancuso, Antonuccio, Accetta (37' s.t. Milone), Puliafito (25' s.t. Maiorana)
A disp.: Merlo
All.: N.Canduci

ARBITRO: Manuel Dongarrà (Messina)

AMMONITI: Irrera, Bellamacina e Mamola (Torregrotta), Mita, Calabrese, Antonuccio e A.Pino (Nuova Rinascita)

ANGOLI: 3-1 per il Torregrotta (p.t.2-0)

OFF-SIDES: 2-1 per la Nuova Rinascita (p.t.0-0)

RECUPERO: 0' + 6'


"La vendetta è un piatto che si serve freddo", recita un vecchio adagio. Se ne dev'essere ricordato in tempo la squadra degli Allievi Regionali della Nuova Rinascita, che ancora memore del 2-2 di Gliaca del 22 febbraio 2014, che tarpò le ali ai pattesi in piena bagarre per non retrocedere, prima della rocambolesca salvezza al play-out non disputato col Riviera Nord, ha restituito, pur già retrocessa ma con una condotta di gara diligente, pan per focaccia ad un Torregrotta, nervoso, irriconoscibile e neppure lontano parente di quello dell'andata, che stecca nella partita decisiva con la quale si è conclusa la stagione-regolare e si "regala" (si fa per dire...ndr) le emozioni supplementari del play-out che in aprile deciderà chi tra i rossoblù torresi e la Giovanile Milazzo, farà compagnia ai pattesi di Nunzio Canduci nel "purgatorio" dei Provinciali.

Termina infatti 1-1 il match del Comunale, un risultato che non fa una grinza per quello che si è visto in campo tra due squadre i cui rispettivi portieri, gol a parte, sono rimasti pressocchè inoperosi, ma che non basta al Torregrotta per evitare la coda "post-stagionale" nonostante da S.Pietro di Milazzo, su un piatto d'argento, arrivasse il risultato che avrebbe spalancato le porte della permanenza alla truppa di Piero Pino che, sol che avesse vinto con due gol di scarto, starebbe a festeggiare la salvezza piuttosto che programmare gli allenamenti delle prossime settimane.

Era iniziato infatti nel migliore dei modi, il pomeriggio del Comunale, che nel momento in cui le due squadre facevano il loro ingresso in campo agli ordini del signor Dongarrà, vedevano il match di Milazzo già sul 2-0 per la Promosport.
Restava ovviamente da sbloccare il punteggio al più presto per mettere la gara subito in discesa, ma nonostante il vento a favore, le numerose imprecisioni in fase di impostazione e disimpegno e le difficoltà nell'imbastire azioni di una certa pericolosità con un centrocampo inusualmente a corto di idee ed un reparto avanzato mai così sterile, hanno finito col rendere difficile ogni cosa, lasciando all'ordinata e pratica squadra ospite, la possibilità di disputare la propria onesta partita, cogliendo un pari, che rappresenta, pur nella giornata del commiato dai Regionali, il primo punto stagionale fuori dalle mura amiche.

La cronaca evidenzia l'andamento di una gara dalle pochissime emozioni che si aprono al 15' con una conclusione di Sapienza che termina fuori di poco ed un interno "a giro" di Crimaldi che al 25' manda il pallone a lato di un soffio alla sinistra di Costantino.
Al 35' sulla prima conclusione verso la porta torrese, arriva improvviso il gol ospite che gela il clan rossoblù. Lo spiovente su punizione calciata da Puliafito dalla destra, raggiunge sul versante più lontano Greco che indisturbato e libero da ogni marcatura, trova la deviazione vincente, mandando la sfera ad insaccarsi nell'angolo opposto.

Nella ripresa, il Torregrotta che per sperare di uscire dalle sabbie mobili deve a questo punto realizzare tre reti senza subirne altre, deve fare i conti con le energie che tendono a diminuire, complice il forte vento di scirocco contrario e, col cronometro che corre inesorabile, va tutto a discapito della lucidità contro un avversario che da parte sua centuplica gli sforzi, chiudendo tutti i varchi alle possibili ma imprecise iniziative torresi.

Sul taccuino, solo un'articolata manovra sul fronte d'attacco rossoblù che al 12' porta al tiro dai 18 metri Sittineri, il cui tentativo di interno sinistro, lambisce il palo alla destra del portiere pattese.

Non ha miglior fortuna Falcone al 35' su invito di Emanuele Trovato, con il tiro del capitano che si perde di poco a lato.

Nel recupero, il forcing finale della compagine di casa, viene premiato con la rete di Mondo che ribadisce in gol, la respinta della traversa sul tentativo di Trovato, con palla che si insacca nell'angolo basso più lontano alla sinistra di Costantino. A questo punto della partita, serve almeno un altro gol ai rossoblù per acciuffare per lo meno la possibilità di arrivare al sorteggio col Camaro per decidere l'ultimo posto play-out, ma restano tre minuti di recupero.
Troppo pochi per rimettere in sesto la situazione ormai compromessa, anche se c'è spazio per l'ultimo sussulto quando su tentativo dal limite di Trovato, un braccio galeotto mette a disposizione di Sittineri, proprio allo scadere, la palla che l'attaccante ribadisce in rete.
Sarebbe il gol del 2-1, ma l'inflessibile Dongarrà annulla, fischiando una posizione di evidente fuorigioco del giocatore al momento del tiro, che spegne le ultime speranze torresi.

Giunge infatti il triplice fischio che decreta la fine dell'avventura regionale per un'orgogliosa Nuova Rinascita. Per il Torregrotta adesso inizia l'attesa. L'appuntamento è a data da destinarsi, sempre al Comunale per l'atto conclusivo contro la Giovanile Milazzo, per lo spareggio salvezza nel quale i rossoblù torresi avranno il vantaggio del fattore campo e di poter giocare per due risultati su tre, anche se occorrerà in quell'occasione, un Torregrotta molto diverso da quello visto all'opera questo pomeriggio.


Realizzazione siti web www.sitoper.it