30 Novembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

IL ROSOLINI K.O. 14 ANNI DOPO IL CANICATTINI...E VINCI VA IN "DOPPIA CIFRA" - Curiosità e cifre dopo il rocambolesco 1-0 rossoblù di domenica pomeriggio

14-03-2017 17:49 -
Vinci ha appena respinto il penalty calciato da Martines sotto gli occhi di Germano (n.11), Implatini (n.9) e Ricca (n.10)



PORTA INVIOLATA DOPO 21 PARTITE
L´ultima (e unica...ndr) partita conclusa in questo campionato senza subire reti prima di domenica scorsa, risaliva al 25 settembre, alla terza di andata disputata al "Gangemi", ospite il Rocca e terminata a reti inviolate. Si ferma dunque a 21, il numero delle gare consecutive, nelle quali il Torregrotta ha subito sempre almeno una rete

VITTORIA CASALINGA PER 1-0 DOPO 3 ANNI
L´1-0 col quale il Torregrotta ha sorprendentemente rimandato a casa battuto il Città di Rosolini, propone un risultato casalingo che mancava in tabellino da ben 41 match disputati sul sintetico di Viale Europa, essendo l´ultimo precedente datato 6 aprile 2014, quando un rigore trasformato al 65´ da Alessandro Aricò, permise alla formazione rossoblù di prevalere sul già retrocesso Riviera Messina Nord, nell´ultima giornata della stagione regolare e di conquistare la permanenza diretta.

VINCI IL "PARA-RIGORI" VA IN DOPPIA CIFRA
Francesco Vinci, classe dicembre ´96, il portiere rossoblù protagonista allo scadere (vedi foto), della respinta sul tentativo di trasformazione ad opera di Martines della massima punizione da cui è poi scaturito il contropiede vincente di Isgrò, raggiunge quota 10 rigori neutralizzati in poco meno di tre stagioni. In due casi, purtroppo, la prodezza non è valsa ad evitare la capitolazione, essendo stato il pallone poi ribadito in rete.
Tra le curiosità, in altre due circostanze, il guardiapali originario di Saponara si è trovato a dover neutralizzare un penalty allo scadere del tempo. Il 28 marzo 2015, alla penultima di campionato, contro la Jonica (fallito dall´ex Monaco) al 90´ e il 13 marzo 2016 contro il Barcellona PG, con respinta su tiro di Chiappone al 45´.
Addirittura tre i rigori respinti l´8 maggio 2016 nella finalissima play-off di Caltanissetta contro il Castellammare. Quello del primo tempo supplementare al bomber trapanese Norfo e i due decisivi della serie conclusiva, dopo aver ipnotizzato Agueci e Vitale.

Questa la sequenza dei calci di rigore fin qui parati dal 20enne estremo difensore:

1) 18/01/2015...Città di Randazzo – Torregrotta – 43´ Licciardello (respinta ribadita in rete)
2) 28/03/2015...Torregrotta – Jonica FC – 90´ Monaco (respinta ribattuta alta)
3) 13/02/2016...Acquedolcese – Torregrotta – 11´ Di Bartolo (respinta ribadita in rete)
4) 13/03/2016...Torregrotta – Barcellona PG – 45´ Chiappone (respinto)
5) 08/05/2016...Castellammare – Torregrotta – 102´ Norfo (traversa - fuori)
6) 08/05/2016...Castellammare – Torregrotta – Agueci (5° rigore della serie finale – parato)
7) 08/05/2016...Castellammare – Torregrotta – Vitale (1° rigore ad oltranza – parato)
8) 11/09/2016...Torregrotta – Città di Sant´Agata – 6´ Scariolo (respinto)
9) 23/10/2016...Torregrotta – Città di Scordia – 43´ Fascetto (palo - fuori)
10) 12/03/2017..Torregrotta – Città di Rosolini – 90´ Martines (respinto)

BATTUTA UNA SIRACUSANA 14 ANNI DOPO IL CANICATTINI
Interrotta la tradizione negativa al "Gangemi" nei confronti delle siracusane, che durava dal 9 febbraio 2003 e cioè dal 2-1 inflitto al Canicattini alla 7^ di ritorno (vantaggio tirrenico al 10´ con Manuel Torre, pari ospite al 29´ realizzato da Casamichela e gol partita dagli undici metri al 31´, firmato da Checco Scibilia).
In seguito infatti, si sono registrati un pareggio e due sconfitte nelle tre occasioni successive, due delle quali riguardano il Palazzolo, che sarà ospite sul rettangolo di Viale Europa, nel turno infrasettimanale del 29 marzo alla terzultima giornata.
09/02/2003...Torregrotta – Canicattini – 2-1 (7^ di ritorno)
13/04/2003...Torregrotta – Palazzolo – 0-0 (12^ di ritorno)
27/01/2005...Torregrotta – Palazzolo – 0-1 (16^ di ritorno)
09/10/2016...Torregrotta – Real Avola – 1-3 (5^ di andata)

ISGRO´ DUE RETI DA 6 PUNTI
Se da un lato Vinci ha scongiurato la sconfitta dagli undici metri, sul versante opposto, a trasformare in rete il micidiale contropiede partito dalla respinta del compagno, è stato un altro classe ´96 schierato domenica in un pomeriggio nel quale, va detto, sono scesi in campo dal 1´, tre ´96, un ´97, due ´98 e tre ´99, cui si è aggiunto nel quarto d´ora conclusivo della ripresa, il 2001 Abate.
Si tratta di Alessandro Isgrò, che il 12 febbraio aveva messo a segno al 58´ il gol del definitivo 2-1 al Belpasso e che già la scorsa stagione, seppure in una circostanza ben più importante ai fini della classifica, aveva gonfiato la rete avversaria al 90´, regalando il 27 febbraio 2016, l´importante vittoria per 1-0 sul difficile campo del Città di Mistretta.


Realizzazione siti web www.sitoper.it