29 Novembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

IL TORREGROTTA DEL DOPO-RANDAZZO ENTRA SUBITO IN CLIMA DERBY - Inizia la settimana della sfida al Città di Milazzo

25-02-2014 06:00 -


Ammettiamolo, ci avevamo fatto più di un pensierino ad un gustoso tris di vittorie consecutive e forse, avevamo iniziato a farci l´abitudine a questo andazo di cose, ma nel calcio si sa nulla è scontato e ci sono anche gli avversari di mezzo, soprattutto quelli come il Randazzo che al pari del Torregrotta hanno le stesse necessità di tirarsi fuori dalla mischia.
Giustificata una leggera dose d´amarezza al triplice fischio, anche se a bocce ferme, non è sicuramente un dramma un nulla di fatto come quello maturato domenica e che se non altro ha permesso di muovere la classifica in un campionato nel quale spesso, promozionie, retrocessioni e permanenze, si decidono (e questo il Torregrotta lo sa bene per averlo vissuto sulla propria pelle) sul filo del punto in più o in meno.

Se rammarico ci deve essere, volendo trovare il classico pelo nell´uovo, lo si può addebitare al fatto di aver consentito agli avversari di turno, di incamerare 4 punti su 6, un vantaggio che potrebbero eventualmente far pesare nell´ipotesi di un arrivo al fotofinish.

Certo è che con un +12 dal Riviera Messina Nord (terzultimo) ed un +17 dal Ghibellina (penultimo), il Torregrotta del "dopo-Randazzo" ha di che stare tranquillo, sia perché ha allungato comunque la striscia di partite utili giunta a 5, sia soprattutto perché, con una coda che continua sua malgrado a restare inerme e quasi in condizioni di "necrosi", la classifica di Sciliberto e soci va assumendo di settimana in settimana per la tanto vituperata regola dei 10 punti, contorni sempre più ottimali.

Bussa frattanto alle porte il derby di Carnevale contro il Città di Milazzo, terzo della classe e che dopo aver accarezzato per una manciata di minuti il sogno di espugnare Castelbuono e riaprire il campionato al vertice, si ritrova a mordersi le mani per essersi vista sfuggire la vittoria nei minuti di recupero. Lecito quindi attendersi una formazione, quella allenata da Gaetano Accetta, animata da fieri propositi di rivalsa, anche se dovrà stare attenta, unica messinese rimasta in gara, a gestire le proprie forze psico-fisiche in vista dell´impegno nei quarti di Coppa Italia in programma mercoledi 5 marzo, torneo che non va dimenticato, oltre al prestigio intrinseco, rappresenta una validissima alternativa per il salto di categoria.

Per il Torregrotta, che affronta i mamertini per la quarta volta nella stagione dopo il 2-4 dell´andata ed il doppio confronto nei 16mi del trofeo tricolore (4-2 milazzese al "Grotta", inutile 1-0 torrese al "Comunale"), si tratta di un appuntamento oltre che sentito, che riveste particolare importanza proprio per la sua collocazione nella fase conclusiva della stagione e sul campo di una squadra che finora tra le proprie mura si è rivelata un rullo compressore cedendo solo 1 dei 33 punti della dotazione casalinga (alla Castelbuonese nel match di andata).

Torna dunque in campo stasera la squadra rossoblù agli ordini di Giannicola Giunta e Pippo Bonarrigo e non v´è dubbio che il compito che li attende contro la compagine nelle cui file militano gli ex Bucca, Giglio, Rasà e Romeo (quest´ultimo squalificato a seguito del rovente dopo-partita del Failla), presenti un livello di difficoltà tra i più alti dell´intera stagione.
I due tecnici rossoblù tuttavia, complice anche il turno di stop della formazione juniores, avranno l´intera settimana di lavoro a disposizione per presentare ai piedi del Castello un collettivo in grado di ben figurare e dire la sua, per cercare di tornare dalla vicinissima trasferta (15 km.) con un risultato di prestigio e che permetta di mettere altro fieno in cascina ed arrivare all´altro scontro-spareggio di domenica 9 con il Castelbuono, nella migliore condizione possibile.

Realizzazione siti web www.sitoper.it