24 Novembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

IL TORREGROTTA SCAPPA, BUDA LO PUNISCE - Al "Bonanno" i rossoblù avanti dagli 11 metri subiscono la rimonta della Forza Calcio Spadaforese

31-01-2015 21:00 -
8' Aricò trasforma il rigore del provvisorio vantaggio rossoblù (foto Menolascina)
CAMPIONATO PROMOZIONE SICILIANA - GIRONE C - 21^ GIORNATA
MESSINA - SS.Annunziata - "N.Bonanno" - sabato 31/1/2015 ore 14,30



FORZA CALCIO SPADAFORESE - 2
TORREGROTTA - 1


RETI: 8´ rig.Aricò (T), 11´ aut.Irrera (FCS), 37´ Buda (FCS)


F.CALCIO SPADAFORESE: Ciolino, Scipilliti, Manzella, G.Arena, Sofia, Alibrandi, Florio, D´Angelo, Buda, Platanìa (90´+2´ Calafati), Buscema (82´ Affè)
A disp.: Nanìa, D.Arena, Bonfiglio, Alessio, Di Bella
All.: C.Mancuso

TORREGROTTA: Vinci, Bonaffini, G.Cucè, Bertino, Leo, Irrera, Cambrìa, Cacciotto (85´ Romeo), Aricò, Sciliberto, Falcone (46´ Trovato)
A disp.: T.Giunta, Sgrò, Sittineri, G.Scibilia, Arnò
All.: G.Giunta

ARBITRO: A.no La Rosa di Barcellona PdG (I.Milici e G.Calarese di Messina)

ANGOLI: 4-3 per il Torregrotta (p.t.1-3)

AMMONITI: 7´ Ciolino (FCS), 43´ Buscema (FCS), 54´ Buda (FCS), 65´ G.Arena (FCS), 75´ Cambrìa (T)

ESPULSO: 90´ + 1´ G.Arena (FCS)

RECUPERO: 2´ + 6´30"

OFF-SIDES: 7-0 per il Torregrotta (p.t. 4-0)

FALLI COMMESSI: 25-23 per la Forza Calcio Spadaforese (p.t.10-10)

TIRI TOTALI: 10-7 per la Forza Calcio Spadaforese (p.t. 5-5)


Si decide tutto nel primo tempo, nell´atteso match del "Nicola Bonanno" tra Forza Calcio Spadaforese e Torregrotta che nell´ultimo sabato pomeriggio di gennaio, hanno dato vita ad una gara molto vivace e alla resa dei conti segnata da alcuni episodi che hanno finito con l´indirizzare le sorti dell´incontro a favore dell´undici di Carmelo Mancuso.
Per i gialloneri locali, i tre punti odierna della prima vittoria del 2015, permettono di agganciare, in attesa delle gare di domani, l´obiettivo quinto posto.
In casa rossoblù, pur se non si fanno drammi, dopo il mezzo passo falso di sabato scorso con l´Aci Sant´Antonio, la terza sconfitta dalla sosta natalizia, dopo Real Aci e Randazzo, mette la formazione di Giannicola Giunta in una scomoda situazione di classifica alla vigilia di un turno, il prossimo, che vedrà capitan Aricò e compagni, ricevere al Comunale sabato 7, la visita della "corazzata" Sporting Taormina, quest´oggi stoppata in casa nel bug-match con il Trecastagni.

Meglio il Torregrotta del primo tempo, nonostante il passivo, mentre nella ripresa, la Forza Calcio Spadaforese ha capitalizzato il vantaggio acquisito, vivendo di rendita sugli errori della formazione torrese che soltanto nelle battute conclusive ha sfiorato il pari, realizzando allo scadere del recupero una marcatura, annullata dal direttore di gara per un presunto fuorigioco sbandierato dal proprio assistente.

Dopo aver risolto estemporaneamente, il dilemma circa l´orario d´avvio della gara (la terna arbitrale era stata designata con fischio d´avvio alle 15, ma nessun Comunicato Ufficiale aveva reso noto alle due società, lo spostamento del calcio d´inizio che sarà alle 15 dal 1° febbraio, confermandolo come da regolamento alle 14,30 per le gare odierne), la partita ha potuto avere inizio con le squadre che si sono fronteggiate a viso aperto ed a ritmi abbastanza sostenuti.

L´avvio vede un Torregrotta propositivo in avanti, rendersi immediatamente insidioso con alcune iniziative nel cuore della retroguardia locale ed è in una di queste circostanze che i rossoblù passano in vantaggio sugli sviluppi di una manovra sulla sinistra con Cambrìa che scambia con Sciliberto che "imbuca" la palla tra alcuni difensori gialloneri per Aricò che in corsa elude la marcatura e si presenta tutto solo dinanzi a Ciolino. Il capitano torrese, si allarga sulla sinistra per evitare l´intervento dell´estremo difensore messinese che non trova di meglio che intervenire fallosamente sul centravanti che finisce a terra, inducendo il signor La Rosa a decretare senza esitazione alcuna la massima punizione, estraendo il solo cartellino giallo all´indirizzo del portiere in quanto non ritenuto fallo "da ultimo uomo".

Si incarica della trasformazione lo stesso Aricò che batte Ciolino e siglando la sua ottava rete stagionale, porta all´8´ il Torregrotta sull´1-0.
Neppure il tempo di registrare il prezioso punto sul taccuino, arriva inatteso il pari messinese su uno sfortunato intervento di Irrera che all´11´, su innocuo palla giunta all´interno della propria area di rigore, sorprende fuori dai pali il compagno di squadra Vinci con un tocco di testa all´indietro sul quale l´incolpevole portiere rossoblù, tenta un disperato intervento prima che la sfera si insacchi alle sue spalle.

Il Torregrotta stenta ad assorbire il contraccolpo della sventurata autorete e rischia di subire il raddoppio al 18´ quando Buda si presenta dinanzi a Vinci che riscatta l´esitazione di qualche attimo prima, chiudendo lo specchio della porta al bomber giallonero e salvando in angolo.
La partita si mantiene vivace con le difese che appaiono non del tutto perfettamente registrate, a tutto vantaggio dei capovolgimenti di fronte che lasciando intravedere la possibilità di assistere ad un match ricco di segnature.
Al 22´ Aricò su lancio in profondità, entra in area da posizione defilata sulla sinistra, ma al momento di concludere di sinistro, manca l´impatto con la sfera.
Al 26´ nel clan torrese si grida al gol quando lo stesso Aricò, dalla destra, mette in mezzo per l´accorrente Sciliberto che anticipa il portiere in uscita ma si vede deviare la conclusione aerea di quel tanto da mandare la sfera sull´esterno della rete, dando l´illusione del gol.

Al 37´ i padroni di casa realizzano il gol-partita sull´asse di due "ex" rossoblù, Platania e Buda. Il fantasista, ricevuta palla alla sinistra della trequarti ospite, vede il compagno in area e lo serve con un lancio millimetrico, sul quale Buda, nonostante la marcatura di Leo, controlla la sfera spalle alla porta ed in mezza girata, indirizza rasoterra nell´angolo basso alla destra di Vinci disteso in tuffo.

Tre minuti dopo, ancora Platanìa, direttamente su calcio piazzato dalla distanza, prova a sorprendere il portiere rossoblù con una pallone diretto sotto il sette alla sinistra, sul quale Vinci interviene in extremis salvandosi in angolo.
L´ultimo sussulto del primo tempo, porta la firma di Irrera, che nel primo dei due minuti di recupero, su calcio piazzato dai 30 metri, chiama Ciolino alla respinta a pugni uniti.

Nella ripresa, la manovra del Torregrotta perde fluidità, complice il terreno di gioco reso pesante dall´abbondante pioggia caduta nelle ultime 12 ore. Viceversa, la squadra di Mancuso, sfrutta le indecisioni e alcuni errori in fase di impostazione dei rossoblù, per rendersi pericolosa.

Al 60´, al termine di un´insistita manovra in area torrese, il pallone giunge a Florio che coglie la base del palo alla sinistra di Vinci.

Al 68´ il Torregrotta torna a farsi vivo dalle parti di Ciolino con il neo-entrato Trovato che su lancio di Irrera, viene anticipato quasi sul punto di battere a rete dal tempestivo intervento di Sofia.

Al 78´, Aricò trova il varco giusto per Cambrìa, ma ancora Sofia nega la gioia del pari intervenendo in extremis.

Su una ripartenza, la Forza Calcio Spadaforese, va vicina al tris che chiuderebbe anzitempo la contesa ma all´84´, l´"ex" Buda, su ennesimo assist di un "chirurgico" Platanìa, spedisce alle stelle da ottima posizione.

Con le squadre ormai stanche ed "allungate", i capovolgimenti di fronte si susseguono ed all´86´ in uno di questi, il Torregrotta potrebbe pervenire al pareggio quando Leo "pesca" Trovato sull´out di destra. La punta classe ´98, penetra in area e sull´accenno di uscita di Ciolino, indirizza qualcosa a metà tra un tiro in porta ed un assist per gli accorrenti Aricò e Romeo, con la palla che finisce col perdersi innocua sul versante opposto.

Iniziano i minuti di recupero e dopo un minuto, Giovanni Arena, subito fallo nei pressi della linea mediana in prossimità delle panchine, si rende autore di un´ingenua reazione che induce l´arbitro ad estrarre il "rosso" diretto, lasciando i suoi in inferiorità numerica per i restanti minuti dell´extra-time nel corso dei quali il Torregrotta si riversa disperatamente nella metà campo locale alla ricerca del pari. Pari che sembra cosa fatta quando nell´ultimo assalto, la sfera giunge in area giallonera dove Aricò di testa, fa ponte per Sciliberto che tutto solo insacca, ma la segnalazione dell´assistente di un "fantomatico" off-sides, rende vana ogni cosa e impedisce ai rossoblù di Giannicola Giunta di cogliere un risultato che avrebbe premiato la generosità espressa in campo dai ragazzi.

Dopo 6 minuti e mezzo invece, arriva il triplice fischio. La Forza Calcio Spadaforese esulta per un ritorno al successo che mancava da oltre un mese e che rimette i gialloneri in carreggiata per il quinto posto, mentre il Torregrotta impreca per gli errori fatali che hanno determinato il risultato di una partita nella quale, risultato a parte, hanno dimostrato di essere squadra viva e di grande carattere.

Realizzazione siti web www.sitoper.it