25 Settembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

IL TORREGROTTA SCENDE A QUOTA "3" - Un cavillo regolamentare fa assegnare lo 0-3 a tavolino contro il Città di Randazzo.

15-10-2014 20:30 -

Piove sul bagnato, è il caso di dire, in questo difficile avvio di stagione per il Torregrotta, alla luce delle decisioni del Giudice Sportivo rese note con il C.U. n.128 (leggi qui) e che ha assegnato il 3-0 a favore del Città di Randazzo, con conseguente retrocessione di un punto in classifica (da 4 a 3, come dire che terminasse stasera il campionato, i rossoblù retrocederebbero direttamente in Prima Categoria), mentre gli etnei salgono a quota 6 dove affiancano Real Aci ed Aci Sant´Antonio.
Contestualmente è arrivata l´inibizione del presidente Nino Sindoni nella qualità di Dirigente Accompagnatore, fino al 15 novembre prossimo e l´ulteriore giornata di stop per il calciatore Giuseppe Cacciotto, che salterà quindi la trasferta di sabato pomeriggio a Taormina contro lo Sporting.

Questo in sintesi il dispositivo del Giudice Sportivo che accogliendo il reclamo del Città di Randazzo in merito alla presunta posizione irregolare del classe ´96 rossoblù Giuseppe Cacciotto, schierato in occasione della gara disputata al Comunale il 27 settembre scorso per la 4^ giornata, chiusasi sul punteggio di 1-1, ha modificato il risultato maturato sul campo infliggendo alla squadra del presidente Nino Sindoni, la sconfitta a tavolino.

Il ricorso inoltrato dagli ospiti, traeva origine dai due turni di squalifica inflitti al giocatore a seguito dell´espulsione nel corso della gara Torregrotta-Rometta dell´11 marzo scorso, valevole per la penultima giornata del Girone A Juniores del C.R.Sicilia - D.P.Messina.
Avendo scontato il primo dei suddetti turni di squalifica in occasione dell´ultima giornata del campionato Juniores il 19 marzo scorso contro il Pompei Messina, la giornata residua, trattandosi di giocatore ancora "in quota", a parere del sodalizio torrese ed ai sensi dell´´art.22 comma 3 C.G.S, avrebbe dovuto essere scontata in occasione del primo appuntamento "under" della nuova stagione, ovvero nel proprio campionato di competenza, il cui avvio è in calendario il 21 ottobre prossimo.

A far pendere la bilancia a favore del club etneo però, ha inciso la posizione di giocatore "in prestito" del centrocampista messinese, che rientrato solo "figurativamente" in estate alla società di appartenenza (l´Igea Virtus), si è trasferito "pro forma" a titolo definitivo in organico all´ASD, considerato che, "di fatto" il giocatore non si è mai distaccato, proseguendo continuativamente l´attività laddove l´aveva conclusa nella stagione 2013/14 e dove peraltro aveva ricevuto la sanzione. Ciò ha comportato, che a detta della società ricorrente ed accolto dall´organo giudicante, sussistessero tutti i requisiti per l´applicazione del comma 6 dello stesso art.22, nel quale è contemplato il caso specifico di calciatore colpito da sanzione disciplinare e la cui squalifica, in deroga al comma 3, va scontata per le giornate residue in cui disputa gare ufficiali, coppa esclusa, la Prima Squadra della nuova (si fa per dire...ndr) società.
E per il Torregrotta, dopo poco più di un mese dall´inizio del campionato, la strada si fà decisamente in salita...

Realizzazione siti web www.sitoper.it