28 Settembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

IL CAMPIONATO ALL´ULTIMA CURVA - In attesa dei 270´ finali. Torregrotta in pole nella bagarre permanenza. All´orizzonte un play-out Sant´Agata-Delfini.

29-03-2013 07:30 -
Con la zampata in zona Cesarini con la quale il bomber della Spadaforese, Paolo Cannuni, ha permesso ai suoi di mettere a segno il blitz sul campo del Sant´Agata, il girone B di Promozione vede nuovamente tutte e 16 le "consorelle" del raggruppamento, con il calendario riallineato, in attesa del trittico conclusivo che dal 6 al 21 aprile, deciderà le sorti di 12 di esse.

Estrapolate infatti Equipecomprensorio e Patti in fondo alla classifica, per le quali la retrocessione in Prima Categoria è ormai soltanto una questione aritmetica, e Ciappazzi e Montemaggiore che d´ora in avanti, già abbondantemente in salvo, andranno in campo unicamente per onorare il campionato, per il resto è lotta aperta su tutti i fronti, con scenari interessantissimi per la Spadaforese che con 56 punti e a tre sole lunghezze dalla coppia Cefalù-Igea Virtus, può legittimamente ambire ad agguantare in extremis il terzo posto che significherebbe primo turno di play-off in casa e viceversa scenari decisamente poco tranquillizzanti per il Sant´Agata che con lo scivolone di mercoledi e a -4 dal Cus Palermo che lo precede, si trova nella quasi impossibilità di evitare quello che allo stato attuale sarebbe l´unico play-out che si dovrebbe disputare e che dovrebbe vedere l´undici di Bongiovanni, prossimo avversario del Torregrotta alla ripresa del torneo, incrociare i Delfini, con unica incognita quella relativa se si disputerà al "Fresina" (qualora il Sant´Agata dovesse mantenere l´attuale 12^ posizione) o se al "Lo Cicero" di Palermo, qualora la compagine del quartiere Vergine Maria, staccata di appena un punto dai santagatesi, operasse il sorpasso.

In virtù infatti della regola dei 10 punti di distacco, il Cus Palermo attualmente a quota 31, eviterebbe lo scontro "post-season" con il Collesano, fermo a 18 e quindi a 13 punti di distacco dai cussini.

Soffermandoci quindi alla volata per la permanenza, che interessa 7 squadre (dal Torregrotta al Collesano), dalla tabella allegata (clicca qui) notiamo che sulla strada di queste formazioni, fino al triplice fischio del 21 aprile prossimo, ci sono ancora alcuni confronti diretti che definiranno una volta per tutte i destini delle contendenti.

Si comincia il 7 aprile proprio con Sant´Agata-Torregrotta, dove i 3 punti sono di importanza capitale per il Torregrotta che deve stare attento al ritorno di Real Calcio e Cus Palermo e che solo in caso di vittoria al "Fresina" potrebbe dirsi con un piede...e tre quarti, salvo, ma sono di importanza vitale anche per il Sant´Agata che, con l´acqua alla gola (e non soltanto nel proprio rettangolo di gioco...) ha nel successo pieno contro i rossoblù di Enzo Borelli, l´ultima speranza di evitare quello che al momento appare l´inevitabile.

In tema di confronti diretti, si prosegue alla penultima, quando il primo dei due turni in contemporanea, propone la trasferta ad alto rischio, del Sant´Agata sul difficilissimo campo del Real Calcio, dove la salvezza diretta dei termitani potrebbe passare da una dura sentenza di condanna per Regina e soci, nella giornata in cui a Collesano si potrebbe compiere il destino dell´undici di casa, opposto al Cus Palermo, anche se il calendario potrebbe dare ancora una ultima mano ai madoniti in odor di retrocessione e che solo in presenza di un "filotto" di vittorie (Equipe e Patti fuori, Cus in casa), riuscirebbe quanto meno ad acciuffare per i capelli un play-out sia pure in trasferta, ma che al momento, bisogna riconoscere, appare lontano anni luce.

Negli ultimi 90´ della stagione regolare infine, il derby Delfini-Cus Palermo potrebbe essere importante solo per i rivieraschi, mentre Torregrotta-Real Calcio, a meno di imprevisti, non dovrebbe rivestire grande rilievo ai fini della bagarre.

In questo contesto, occhio al calendario della Mamertina che dovendo affrontare nell´ordine, il Montemaggiore in trasferta (con tutte le incognite del caso di una compagine, quella madonita, distratta da una possibile qualificazione alle semifinali di Coppa Italia) e successivamente Igea Virtus e Cefalù affamate di punti, rischia dopo un campionato ben condotto, di venire risucchiata dalle sabbie mobili, proprio in dirittura d´arrivo.



Realizzazione siti web www.sitoper.it