24 Novembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

LA JUNIORES CALA IL SETTEBELLO E METTE LE MANI SULLA QUALIFICAZIONE - I rossoblù strapazzano il Milazzo e vedono il passaggio alla seconda fase più vicino.

16-02-2017 07:00 -
16´ Si insacca la punizione calciata da Sindoni per il provvisorio 1-0




CAMPIONATO REGIONALE JUNIORES – FASE PROVINCIALE – CP MESSINA – GIRONE A
14^ GIORNATA – 5^ DI RITORNO
TORREGROTTA (ME) – Campo Sportivo Comunale "P.Gangemi" – mercoledi 15/2/2017 – ore 15

TORREGROTTA –7
MILAZZO 1937 – 1

MARCATORI:16´ Sindoni, 22´ Falcone, 41´ Bellamacina, 57´, 65´ (rig) e 73´ De Vita, 81´ Leo (M), 88´ D´Andrea

TORREGROTTA: Trovato, Bellamacina, Manzella, Arizzi (77´ Antonazzo), Mondo, Merlino (88´ Caselli), Falcone, La Spada (73´ D´Angelo), Marchese (83´ D´Andrea), Sindoni, De Vita
a disp.: Maisano
all.: G.Borelli

MILAZZO 1937: Cafarella, Leo M., La Malfa, Capone, Saltalamacchiam Crisafulli, Quadri, Cosimini, Pantè (73´ Leto), Dell´Oro, Porcino (73´ Brigandì)

ARBITRO: Alessio COSTA (Messina)

ANGOLI: 6-4 per il Torregrotta (p.t.2-3)
RECUPERO: 0´ + 0´
AMMONITI: 52´ Porcino (M), 74´ Bellamacina (T)
OFF-SIDES: 2-2 (p.t.2-0 per il Torregrotta)


Necessita poco più di un quarto d´ora al Torregrotta per prendere le misure e poi vincere di goleada ai danni del Milazzo, incamerando altri tre punti che lasciano a punteggio pieno la formazione torrese che adesso, diventata ormai irraggiungibile dalla terza in classifica (l´F24 Messina), scava un solco pressocchè invalicabile tra sé e i mamertini, secondi.
Con quattro gare da disputare infatti (lunedi lo Sporting Club Messina al "Bonanno", il recupero di Villafranca Tirrena lunedi 27, il match casalingo con l´F24 e la trasferta conclusiva a Milazzo contro il Don Peppino Cutropia...ndr), servono solo quattro punti per tagliare il traguardo matematico di una vittoria del girone che potrebbe giungere anche la prossima settimana nell´ipotesi di vittoria torrese all´Annunziata e contemporaneo pareggio al "Ciantro" tra Milazzo e F24 o addirittura di un pari al "Bonanno" e contemporaneo scivolone casalingo milazzese.

Tralasciando i calcoli aritmetici in attesa di un verdetto probabilmente già scritto da tempo e che attende solo la sua ufficialità, passando al match odierno, il Torregrotta ha sofferto il quarto d´ora iniziale degli ospiti che riversandosi nella metà campo locale sembravano poter creare maggior apprensione ad una compagine che, rinunciato in fase di riscaldamento all´apporto del capitano Giulio Maisano (affaticamento muscolare), era partita contratta, favorendo una leggera ma sterile supremazia dei milazzesi che si presentavano al tiro solo all´11 con Crisafulli che su spiovente dalla sinistra, concludeva al volo dal vertice dell´area piccola senza tuttavia angolare a dovere.

Trascorsa questa fase senza danni, il Torregrotta sulla prima conclusione verso lo specchio della porta ospite, trovava il vantaggio con Sindoni che si incaricava di calciare una punizione conquistata da De Vita all´altezza dei 25 metri e da posizione centrale spediva sotto l´incrocio dei pali alla sinistra di Cafarella.
Il vantaggio acquisito, conferiva maggior sicurezza all´undici torrese che al 19´ si rendeva pericoloso con un´incursione di Manzella (l´ex di turno) sull´out di destra e palla scodellata in mezzo che attraversava l´intero specchio della porta senza che alcun giocatore di casa si trovasse pronto per battere a rete.
Il raddoppio era rimandato di soli tre minuti e nasce da un´azione quasi in fotocopia, con Manzella che stavolta si accentra leggermente sulla sinistra e dal fondo porge sul secondo palo dove stavolta giunge in corsa Falcone che si fa trovare pronto all´appuntamento per insaccare la rete del 2-0.
Al 34´ il Milazzo tenta di rendersi pericoloso con un´iniziativa di Cosimini sulla sinistra e palla smistata verso il centro dove un malinteso tra Pantè e Porcino fa svanire l´occasione.
A quattro minuti dall´intervallo, Bellamacina riceve palla ai 20 metri e di collo pieno spedisce una staffilata nell´angolo basso alla sinistra di un incerto Cafarella, il pallone del 3-0 con il quale le squadre vanno al riposo.

L´inizio ripresa sembra ricalcare quello del primo tempo, con il Milazzo che si catapulta nella metà campo torrese e al 47´ insidia la porta difesa da Trovato con un tiro da fuori di Quadri che termina a lato non di molto.
Quando però il Torregrotta si affaccia dalle parti di Cafarella è sempre pericolosissimo ed al 51´ il quarto gol sembra cosa fatta su suggerimento di Arizzi all´interno dell´area per De Vita che con un tocco sotto, alza un campanile che sorprende l´estremo difensore ospite e conclude la sua parabola discendente sotto la traversa più lontana dando l´illusione ottica del gol, con il portiere mamertino che toglie la sfera dalla linea di porta tra l´incredulità generale.
Quattro minuti più tardi, il Milazzo potrebbe accorciare le distanze ma Cosimini, ben servito da Quadri, penetra in area dal vertice alto alla sinistra per poi chiudere il diagonale sull´esterno della rete da posizione tutt´altro che impossibile.
I mamertini non trovano la via della rete e vengono immediatamente puniti al 57´ con De Vita che apre il suo tris personale, fiondandosi sulla perfetta verticalizzazione di Marchese e, dopo aver resistito al tentativo di carica di un difensore, entrato in area non concede scampo al portiere.
Al 64´ Marchese ha l´opportunità per portare a cinque il conto delle reti. De Vita giunge nei pressi della linea di fondo e opera un cross basso che Cafarella non trattiene. Il pallone giunge al n.9 del Torregrotta che in agguato, da pochi passi, batte a rete col portiere fuori causa, ma trova la gamba di un difensore, che intercetta il tiro alzando la sfera sopra la traversa.
Un minuto dopo, De Vita viene affrontato in area di rigore e messo a terra. Il direttore di gara non ha esitazione e indica il dischetto dal quale lo stesso giocatore trasforma con un tiro non sufficientemente angolato che Cafarella intuisce ma non riesce a trattenere.
Sul 5-0, il Torregrotta ancora non pago, continua ad affondare i colpi e al 73´ da un´incursione di Marchese, nasce la sesta marcatura della formazione del presidente Sindoni. Con De Vita che raccoglie sottoporta l´assist del compagno e tira prontamente, ribadendo in rete dopo una prima ribattuta.
Al 75´ tenta anche Mondo che di testa riceve il cross sul quinto corner a favore dei suoi, ma alza la mira.
Al minuto 81, un errore in fase di disimpegno, consente al Milazzo di battere una punizione dai 23 metri, con Mariano Leo che sorprende Trovato con un tiro angolato alla sua destra e realizza il gol della bandiera per i suoi.
C´è spazio anche per Merlino che su traversone dalla sinistra, gira di testa dall´altezza del dischetto, ma angola troppo la sua conclusione, con palla che si perde sul fondo.
All´86´ Trovato riscatta l´indecisione sul gol subito, facendosi trovare pronto sulla punizione calciata da Dell´Oro e respingendo d´istinto a piedi uniti, il tentativo di "tap-in" del n.10 ospite.
Infine, all´88´, D´Andrea, da pochissimi minuti subentrato a Marchese, lanciato da De Vita, penetra in area dalla sinistra scattando sul filo del fuorigioco e batte in diagonale Cafarella in uscita.


Realizzazione siti web www.sitoper.it