24 Settembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

LA JUNIORES "SVOGLIATA", SUDA FREDDO MA VINCE - I rossoblù si aggiudicano di misura il derby col Comprensorio che al 94´ fallisce il gol del pari.

04-03-2016 05:00 -





CAMPIONATO REGIONALE JUNIORES – PRIMA FASE – CP MESSINA – GIRONE A
16^ GIORNATA – 7^ DI RITORNO


TORREGROTTA (ME) – Campo Sportivo Comunale – giovedi 3 marzo 2016 – ore 15



TORREGROTTA – 2
COMPRENSORIO DEL TIRRENO – 1


RETI: 6’ Sittineri (T), 45’+2 Villari (CT), 57’ Trovato (T)


TORREGROTTA: Marino, Mondo, Isgrò, Gangemi, Giorgianni, Maisano, Sittineri, Falcone, Marchese (56’ De Vita), Campanella, Trovato

A disp.: Merlino, D’Andrea
All.: G.Nastasi

COMPR.DEL TIRRENO: Giunta, Venuto, Mastroeni (85’ Repici), Schepis, Ballamacina, Buta, Pirrone (54’ Cambria), Rizzo (59’ Donato), Villari, Sindoni, Saija (46’ I.Cosimini)

All.: G.Cosimini

ARBITRO: Antonio Di Stefano (Messina)

ANGOLI: 5-3 per il Torregrotta (p.t.2-0)

AMMONITO: 53’ Rizzo (CT)

OFF-SIDES: 5-2 per il Torregrotta (p.t.1-0)

RECUPERO: 2’ + 5’



Alla fine ci sono voluti, un macroscopico errore dello sfortunato portiere ospite in occasione del gol-partita, un Marino provvidenziale all’86’ e, soprattutto, una conclusione per gli ospiti, spedita incredibilmente a lato da entro l’area nell’ultimo minuto di recupero ad opera del neo-entrato Cambrìa, per consegnare la vittoria alla “svogliata” Juniores di Peppe Nastasi, che consente di mantenere la scia della battistrada Città di Messina a due turni dalla conclusione della prima fase che dovrà stabilire quale delle due compagini affronterà negli ottavi di finale della fase Regionale del torneo, una tra Gioiosa e Nuova Igea, che comandano il girone B barcellonese.

Due a uno il risultato finale di un match che ha visto gli ospiti di Giuseppe Cosimini, onorare il derby seppure fuori dai giochi di primato e il campionato, rendendo dura la vita dell’undici torrese al pari di quanto avevano fatto solo due settimane addietro a Mili Marina contro la capolista.
Sul fronte rossoblù, l’insolito giovedi juniores, causa qualche leziosità di troppo in campo e le condizioni non perfette di qualche elemento in fase di recupero, ha lasciato qualche perplessità in un pomeriggio nel quale probabilmente una delle poche cose da salvare è stata proprio il risultato.
Va da sé che negli ultimi 180’ della stagione-regolare, con il “serale” di lunedi 7 contro lo Sporting Club al “Bonanno” e il confronto-spareggio al vertice di mercoledi 16 col Città di Messina, occorrerà ben altro Torregrotta per avere ragione dei prossimi avversari in calendario.

La cronaca:

Dopo una animata fase di gioco ristagnante prevalentemente a centrocampo, il Torregrotta al primo vero affondo trova la via del gol con Sittineri che al 6’, intercettato un pallone rimpallato all’altezza dei 25 metri, fatti pochi passi, con una precisa staffilata rasoterra di sinistro, manda la sfera ad insaccarsi nell’angolino basso alla destra di Giunta vanamente proteso in tuffo.

Al 27’ il Torregrotta reclama un calcio di rigore per un vistoso atterramento di Falcone in area ospite, ma il signor Di Stefano, inflessibile, non ravvisa gli estremi della massima punizione, invitando a proseguire l’azione.

Un minuto più tardi, su calcio di punizione battuto dalla destra da Sittineri, la sfera giunge in area per la testa di Maisano che in elevazione alza la mira.

Al 39’ il raddoppio sembra quasi cosa fatta, quando al termine di un’iniziativa personale, Isgrò lascia partire una conclusione “al veleno”, che Giunta non trattiene. Nelle vicinanze arriva Campanella, al rientro in gare ufficiali dopo circa un mese, che raccolta la corta respinta, gira prontamente a rete ma non trova il bersaglio

Il primo tiro ospite verso la porta difesa da Marino, arriva su punizione nel primo dei due minuti di recupero concessi dal direttore di gara. Il tentativo dai 20 metri di Mastroeni è però da dimenticare.
Neppure il tempo di annotare il calcio di punizione vanificato in attesa del duplice fischio che avrebbe mandato al riposo le squadre, e i ragazzi di Cosimini raggiungono il pari, sfruttando un errore in fase di disimpegno della retroguardia torrese, che metteva capitan Alessandro Villari in condizione di battere a rete alla destra di Marino, evitando poi da buon “ex”, di esultare per la marcatura messa a segno contro quelli che in buona parte sono stati fino alla scorsa stagione i suoi compagni di squadra.

Si va dunque al riposo sul punteggio di 1-1 e si attende la reazione della formazione di Nastasi.
Al 57’ arriva il gol-vittoria, nato da un lancio di Campanella per Trovato. Giunta, il portiere ospite, è in anticipo sull’attaccante rossoblù e sembra aver ormai abbrancato la sfera che sfugge però alla presa dell’estremo difensore, consentendo a Trovato, a pochi passi, di recuperare il pallone e di depositare nella rete sguarnita, tra la comprensibile disperazione dei compagni.

Al 74’ bella azione manovrata in velocità ed iniziata da Campanella, con la collaborazione di Trovato e De Vita. Quest’ultimo però conclude addosso al portiere in uscita, rimediando solo un corner.
Sul tiro dalla bandierina, lo spiovente di Falcone è per Maisano che a centro-area stacca nuovamente di testa, questa volta sfiorando la traversa.

Al 76’ si fa vivo il Comprensorio con una punizione di Matroeni che chiama in causa Marino, bravo ed attento nell’alzare sopra la traversa.

All’84’ tocca nuovamente a De Vita avere sui piedi la palla che potrebbe chiudere il match, ma la giovane punta classe 2000, cincischia al momento di concludere davanti alla porta, rendendo possibile il recupero dei difensori avversari.

Il Comprensorio prende coraggio e tenta di riportare il risultato in equilibrio, andandoci vicinissimo all’86’ quando Marino è costretto ad uscire dai pali sui piedi di Ivan Cosimini lanciato a rete da un’indecisione difensiva torrese.

Quando il cronometro segna il quarto dei cinque minuti di recupero concessi dal signor Di Stefano, il pari sembra cosa fatta, ma Cambrìa, ben imbeccato tutto solo in area torrese sulla sinistra, si presenta davanti a Marino, graziandolo con una conclusione in diagonale che si perde abbondantemente a lato alla sinistra del portiere rossoblù, sulla quale scorrono i titoli di coda facendo tirare un sospiro di sollievo nel clan torrese per una vittoria importante, sebbene sia giunta al termine di una prova in chiaro-scuro.

Prossimo appuntamento, lunedi 7 alle 18,30 all’Annunziata, ospiti del tradizionalmente ostico Sporting Club Messina.

Realizzazione siti web www.sitoper.it