24 Settembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

LOTTA APERTISSIMA PER IL PRIMATO. PERMANENZA, SOLO UNA QUESTIONE "MATEMATICA" - Gli impegni delle formazioni coinvolte in zona promozione ed in quella play-out.

19-03-2014 18:24 -
Ultimi 270´ alla conclusione della stagione regolare e come ogni fine campionato, addetti ai lavori e non, si dilettano nello stilare le varie tabelle riguardanti la fascia di classifica che interessa le proprie squadre.
Abbiamo voluto per questo stilare anche noi le nostre tabelle con riferimento alla volata promozione ed alla corsa per la permanenza diretta, cercando, considerato che siamo comunque e fino a prova contraria parte in causa essendo coinvolti per diversi motivi in ambo le situazioni, di mantenere un giudizio ed un pronostico quanto più asettico possibile e che tenga conto delle reali forze in campo.

Nella volata per il salto diretto in Eccellenza, dopo l´ultima giornata disputata, la corsa può dirsi ristretta a sole due formazioni, Sporting Taormina e Castelbuonese. I sei punti di distacco dalla capolista, a tre giornate dal termine, pur essendo parecchi, lasciano quanto meno dal punto di vista aritmetico, ancora aperta la porticina anche al Città di Milazzo.
E´ questo pertanto il motivo per il quale la tabella che proponiamo (clicca qui), comprende anche l´undici di Gaetano Accetta che nelle ultime tre gare in calendario dovrà giocare due volte fuori, con Atletico Villafranca e Randazzo e solo alla penultima al "Grotta Polifemo" ospite il Ghibellina. Un calendario quindi praticamente in discesa per i mamertini che potrebbero chiudere la stagione a quota 63.
Veniamo invece alle due protagoniste del braccio di ferro per il primato, con la Castelbuonese che avrà dalla sua il vantaggio di dover disputare due delle restanti gare nel fortino del "Failla" (Mamertina e Pistunina) e viaggiare solo alla 29^ sul campo di un Riviera Messina Nord in bilico tra il lumicino della speranza di disputare il play-out e la retrocessione diretta. In pratica, classifica alla mano, le prossime avversarie dei madoniti sono tre compagini che per motivi differenti hanno poco o nulla da chiedere a questo finale di stagione.

Al contrario dei rivali palermitani, lo Sporting dovrà giocare al "Bacigalupo" solo una volta (alla penultima con la Fiumefreddese) contro le due trasferte sui campi di Torregrotta e Sant´Angelo di Brolo. Si tratta di tre confronti con avversarie tutte nella necessità di dover andare a punti, vuoi per chiudere la pratica permanenza, vuoi, come nel caso della Santangiolese, per non restare attardata dal terzo posto per poter disputare il play-off. Indiscutibilmente e, chiaramente, a bocce ferme, un calendario in apparenza più tosto rispetto a quello dei castelbuonesi.

Con la retrocessione anticipata dell´Atletico Villafranca, resta da definire se e come saranno disputati i play-out.
Più ampia, anche se, sulla carta, paradossalmente meno ingarbugliata, la griglia delle compagini ancora coinvolte nella corsa (clicca qui).
Fuori virtualmente Randazzo e Castelbuono con i loro 33 punti, restano aritmeticamente a portata di tiro, Sinagra, Ciappazzi, Torregrotta e Fiumefreddese, ma per le due squadre attualmente al 13° e 14° posto, Riviera Messina Nord e Ghibellina, i distacchi attuali dalle formazioni che le precedono, sono quasi abissali e, considerati i match che le attendono, non dovrebbero consentire clamorosi recuperi.
Partendo dal Sinagra, la squadra di Andrea Ioppolo ha in calendario due trasferte (Fiumefreddo e Villafranca) e il derby casalingo con la Santangiolese in odor di play-off.
Per la Ciappazzi, che nell´ultima giornata dovrà osservare il turno di riposo, il confronto interno di domenica prossima col Riviera Messina Nord potrebbe rappresentare la chiave di volta che dovrebbe schiudere la porta della permanenza dei termali, tanto più che nell´ultimo loro impegno, Papale ed il suo manipolo, renderanno visita all´incognita Pistunina.
Un gradino più giù rispetto alla squadra del ds Salamone, il Torregrotta che deve disputare ancora due match tra le mura amiche (Sporting Taormina e Riviera Messina Nord) con incastonata la pur sempre delicata trasferta contro la Mamertina. Per i rossoblù di Giunta, i conti sono presto fatti. Per andare in vacanza anticipata di due settimane, è necessario un risultato positivo (anche un pari) nella sfida di domenica pomeriggio alla capolista, con una concomitante sconfitta del Riviera a Terme Vigliatore ed un Ghibellina che non andasse più in là del pari contro il Randazzo.
Anche la Fiumefreddese, al pari del Torregrotta, dispone di due impegni su tre nel rettangolo amico. Sinagra e Mamertina le compagini da ospitare e nel mezzo, la trasferta proibitiva di Taormina.

Infine le due pericolanti in odor di retrocessione diretta. Il Riviera Messina Nord a 15 punti deve rendere visita alla Ciappazzi, ricevere l´arrabbiata Castelbuonese e chiudere a Torregrotta. Ghibellina due volte su tre a Mili contro le tranquille Randazzo e Castelbuono e la sola trasferta di Milazzo a fine mese.
Si potrebbe anche ipotizzare un sorpasso sul filo di lana ai danni dei cugini del Riviera e sperare in un finale rallentato della Fiumefreddese, per poi giocarsi tutto in una gara secca in terra etnea, ma potrebbe essere ormai troppo tardi.

Realizzazione siti web www.sitoper.it