24 Settembre 2020

MAI VINCENTI A MASCALUCIA - Negli unici due precedenti, una sconfitta ed un pari dei rossoblù

21-03-2019 16:30 - PROMOZIONE 2018/19





Al rientro in campionato dopo la sosta forzata imposta dal calendario dall’esclusione dell’Atletico Fiumefreddo, il Città di Torregrotta si appresta ad affrontare l’ultima trasferta fuori provincia di questa tribolata stagione, recandosi al “Bonaiuto Somma” dove renderà visita sabato 23 al Città di Mascalucia di mr.Dario Suriano.
Per il sodalizio rossoblù, l’ultima in casa di un’etnea propone un rettangolo di gioco che l’undici del presidente Nino Sindoni calca per la terza volta dal debutto del 5 febbraio 2005.

In quell’occasione, si era nel campionato di Eccellenza, il confronto valevole per la sesta di ritorno dopo che al Comunale il manipolo torrese si era imposto per 1-0 con gol-partita del terzino Maurizio Mento, arrivò in una fase molto delicata della stagione rossoblù, che proprio nella settimana precedente la trasferta alle pendici dell’Etna ed all’indomani dello scivolone casalingo con lo Scordia, aveva visto l’avvicendamento sulla panchina tra il compianto Salvuccio Rao ed Antonio Alacqua, il condottiero della compagine che soltanto l’anno prima aveva spopolato in Promozione, rendendosi protagonista dell’emozionante “testa a testa” con la Pro Mende.
Il debutto del nuovo corso, non fu però baciato dalla buonasorte, che voltò le spalle al tecnico spadaforese, (da tre settimane a questa parte chiamato al capezzale di una Sancataldese in crisi in serie D…ndr), e che nonostante avesse presentato un Torregrotta “garibaldino” e animato da fieri propositi di poter risalire la china, non riuscì ad evitare la sconfitta per 1-0 con il Mascalucia all’epoca denominato Sporting, aprendo un ciclo di 5 gare nelle quali i rossoblù conquistarono solo il punticino dell’1-1 casalingo con l’Aci S.Antonio, prima di infilare un trittico di sconfitte (a Trecastagni, col Palazzolo ed a Furci Siculo contro il Camaro), che avrebbe indotto lo stesso Alacqua a rassegnare le dimissioni, sostituito poi con Massimo Bontempo, cui toccò l’ingrato compito di traghettare i rossoblù verso il play-out di Taormina e la susseguente retrocessione.

Decisamente più fortunata la seconda volta della compagine tirrenica a Mascalucia, recante la data del 14 ottobre 2017, sempre per la sesta giornata, seppure di andata, e ancora una volta un sabato, con il team di Peppe Borelli che andato sotto nel punteggio al 20’ con Galiano che da entro l’area piccola fulminava l’incolpevole Vinci, riusciva poi con una ripresa più ordinata e propositiva a rimettere in equilibrio le sorti del match grazie ad Isgrò che allo scoccare dell’ora di gioco realizzava la marcatura grazie alla quale il Torregrotta avrebbe alla fine strappato un buon pari che riscattava sia pure in parte la sconfitta interna di sette giorni prima ad opera della Messana (1-2), ma a cui sarebbe seguito un tremendo filotto di ben 5 sconfitte (Giardini Naxos, Terme Vigliatore, Sporting Viagrande, Real Rometta ed Aci Sant’Antonio) che avrebbe fatto suonare il primo vero campanello d’allarme in casa rossoblù già in prossimità del giro di boa.

I PRECEDENTI

10/10/2004…TORREGROTTA-SP.MASCALUCIA – 1-0
05/02/2005…SP.MASCALUCIA – TORREGROTTA – 1-0
14/10/2017…CITTA’ DI MASCALUCIA – TORREGROTTA – 1-1
07/02/2018…TORREGROTTA – CITTA’ DI MASCALUCIA – 3-1
02/12/2018…CITTA’ DI TORREGROTTA – CITTA’ DI MASCALUCIA – 2-3


Realizzazione siti web www.sitoper.it