23 Settembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

RASA´ E BERTINO "CORE INGRATO" E IL TORREGROTTA ESCE DALLA COPPA – I due "ex" firmano nel primo tempo la qualificazione del Milazzo. Cucinotta e Cariolo fissano nella ripresa il 4-1 mamertino.

04-09-2016 20:00 -
52´ Cucinotta (col n.5) sta per colpire di testa il pallone del 4-0 per il Milazzo



COPPA ITALIA ECCELLENZA – "8° MEMORIAL G.PROVENZANO"
SEDICESIMI DI FINALE – RITORNO
TORREGROTTA (ME) – Campo Sportivo "Comunale" – domenica 4/9/2016 – ore 16



TORREGROTTA – 1
MILAZZO 1937 – 4


MARCATORI: 12´ e 42´ Rasà (M), 45´+1 Bertino (M), 52´ Cucinotta (M), 83´ Cariolo (T)

TORREGROTTA: Vinci, Bellamacina (67´ Mondo), Isgrò, Falcone, Cordima, Sofia, Cariolo, Sindoni, Campanella (54´ De Vita), Venuti, Sittineri (62´ Mamone)
A disp.: A.Giorgianni, C.Giorgianni, Di Bella, Merlino
All.: C.Mancuso

MILAZZO 1937: Trovato, Manzella, Fleri, D´Arrigo (67´ Bonaffini), Cucinotta, Tricamo, Cannavò, D´Anna, Rasà (75´ Balastro), Bertino, Costa (65´ Raia)
A disp.: Fagone, Ancione, Porcino, Mandanici
All.: G.Giunta

ARBITRO: Fabrizio ARCIDIACONO di Acireale
ASSISTENTI: Alessio CALDERONE e Alessandro CUSUMANO (Barcellona PdG)

NOTE: Giornata calda e soleggiata. Spettatori paganti un centinaio circa, con discreta rappresentanza ospite.
ANGOLI: 3-1 per il Milazzo (p.t.2-1)
AMMONITI: 27´ Tricamo (M), 47´ Sofia (T), 61´ Bellamacina (T), 80´ Fleri (M), 85´ Venuti (T)
OFF-SIDES: 4-0 per il Milazzo (p.t.3-0)
RECUPERO: 1´ + 3´



Netta sconfitta interna del Torregrotta che saluta la Coppa Italia con un sonoro 1-4, il risultato con il quale il Milazzo passa a vele spiegate al Comunale e accede agli ottavi della competizione tricolore, sulla rimaneggiata formazione di Carmelo Mancuso, che nel pomeriggio del debutto ufficiale dinanzi al proprio pubblico, ha dovuto affrontare l´undici di Giannicola Giunta, al suo ritorno da "ex", priva degli infortunati Alessio, Di Bella e La Corte, dello squalificato Calabrese e senza l´ausilio di Cardaci, bloccato da problemi burocratici che ne hanno impedito il trasferimento in tempo utile.

Troppo per una compagine come quella cara al presidente Nino Sindoni, che ha dovuto stringere i denti e fare di necessità virtù, finendo però col pagare qualche leziosità di troppo che sommata ad una scarsa intesa tra i reparti a qualche ingenuità di troppo nelle retrovie, ha confezionato il punteggio finale dal quale si dovrà ripartire per potersi presentare all´appuntamento del prossimo week-end con la prima di campionato, nelle condizioni migliori per cominciare col piede giusto un torneo di Eccellenza che si prospetta tra i più difficili delle ultime edizioni.

Che il retour-match presentasse parecchie difficoltà, era più che prevedibile anche per via del risultato dei primi 90 minuti che costringevano il Torregrotta a non poter capitalizzare uno 0-0 rivelatosi alla resa dei conti, illusorio. Il discorso qualificazione, è stato poi chiuso già nei primi 45´ terminati con il Milazzo avanti sul 3-0 in virtù delle marcature di due degli "ex" in campo, Rasà e Bertino, che hanno sfruttato le occasioni capitategli sui piedi, punendo qualche "sufficienza" di troppo.

Sul piano strettamente statistico, per il Torregrotta si tratta della prima sconfitta in gare ufficiali dopo quasi 10 mesi. Risaliva infatti al 2-1 del 21 novembre 2015, rimediato al "D´Alcontres" ad opera del Barcellona in campionato, l´ultimo scivolone in partite ufficiali del manipolo torrese.

Gara che si è svolta all´insegna della massima correttezza e dinanzi ad una discreta cornice di pubblico, con una menzione particolare per la tifoseria torrese che con il rullio dei tamburi, i cori incessanti ed i fumogeni a colorare il pomeriggio tirrenico, ha incitato per l´intero arco della partita la propria squadra persino sotto di quattro reti, dimostrando una volta di più attaccamento ai colori sociali e grande maturità.

La partita si mette in salita per la squadra di casa già dopo 12´. Inizialmente, quando a seguito di una palla banalmente persa a centrocampo dal Torregrotta, Cannavò viene lanciato a rete ma davanti a Vinci dosa male il pallonetto concludendo di poco sopra la rete. E´ il preludio del vantaggio milazzese che arriva immediatamente dopo con Rasà che raccoglie al limite dell´area da posizione leggermente decentrata un prezioso invito dalla trequarti e incrocia senza esitazioni di destro, spedendo nell´angolo opposto a quello di tiro, rendendo vano il tuffo del portiere.
La reazione torrese è blanda e priva di incisività, cosicchè sul finire di parziale, gli uomini di Giunta confezionano l´uno-due che di fatto chiude ogni discorso.
Al 42´ l´azione parte da Cannavò che mette sottoporta per Rasà lasciato solo nei pressi del secondo palo. Il capocannoniere rossoblù della scorsa stagione nel campionato di Promozione, si allunga e tocca di quel tanto da mettere fuori causa Vinci, insaccando il pallone del 2-0.
Le reti ospiti diventano tre quando nel minuto di recupero concesso dall´acese Arcidiacono, su un lungo rinvio milazzese dalle retrovie, Vinci esita nell´uscita dai pali e consente all´ex compagno di squadra, Bertino, di giocare d´anticipo e depositare nella porta rimasta sguarnita.
Al 7´ della ripresa, un cross basso dalla destra, causa uno svarione difensivo dal quale scaturisce il terzo corner ospite. Il traversone dalla bandierina di Tricamo, raggiunge Cucinotta che sganciatosi dalla propria metà campo, di testa beffa tutti e mette dentro il 4-0 (nella foto).

Inizia il valzer delle sostituzioni che consente al Torregrotta di far esordire il classe ´98 Luca Mondo ed il 2000 convocato in extremis, De Vita, con il Milazzo che gioca in scioltezza e gestisce a piacimento i restanti minuti ed il Torregrotta che tuttavia non si disunisce ma anzi trova il gol della bandiera con Cariolo che all´83´, sugli sviluppi di una mischia in area piccola mamertina, mette dentro con una rovesciata prepotente e stilisticamente da applausi, che rende meno amaro il pomeriggio.
Il triplice fischio manda tutti negli spogliatoi. Milazzo già in forma campionato, Torregrotta da rivedere, possibilmente con avversari più abbordabili. Da domani comunque (lunedi), con il varo del calendario, si entra già in clima Eccellenza e si dovrà fare necessariamente sul serio.

Realizzazione siti web www.sitoper.it