28 Settembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

SPORTING TAORMINA - TORREGROTTA, SI PARTE DA 2-0 - Lo scorso campionato, la sconfitta al Bacigalupo, costò la panchina di Enzo Borelli.

15-10-2014 06:20 -
Varrica trasforma al 39' del p.t. il calcio di rigore del 2-0 per lo Sporting
Sfida dalla storia ancora recente, quella tra il Torregrotta ed i prossimi avversari dello Sporting Taormina, che tornano ad affrontarsi a distanza di pochi mesi dal match del Comunale del 23 marzo scorso.
Giunta infatti dalla Prima Categoria, alla sua prima presenza in Promozione, la formazione jonica ha disputato un campionato decisamente sopra le righe, contendendo fino allo spareggio del "D'Alcontres" ad un'altra matricola terribile, la Castelbuonese, la promozione diretta in Eccellenza, sfumata poi con la lotteria dei tiri dal dischetto, nella finale play-off di Rocca Caprileone contro i trapanesi del Dattilo.

Lo scorso campionato, nel quale le due società vennero inserite nello stesso girone B, quello che comprendeva tutte e 11 le messinesi, in compagnia delle etnee Fiumefreddese e Randazzo e delle due palermitane castelbuonesi, la doppia sfida fu collocata in calendario alla terzultima giornata ed anche in quella circostanza, il match di andata fu giocato al "Bacigalupo", sempre di sabato.

Il 30 novembre 2013, Sciliberto e soci, uscirono sconfitti seppure a testa alta, soccombendo solo di misura. Primo tempo di marca taorminese, chiuso sul 2-0 per le reti di Stracuzzi al 20', lesto ad anticipare la retroguardia ospite e girare in rete un cross su punizione dalla destra, e raddoppio dagli undici metri di Varrica che al 39' (nella foto) trasformava la massima punizione concessa dal siracusano Runza per atterramento di Catania ad opera di Pirrone.
Nella ripresa la veemente ed orgogliosa reazione del Torregrotta, produce il gol con il quale al 74' Alessandro Cucè direttamente su punizione da posizione centralissima, perfora la barriera locale mettendo alle spalle di Gulisano, costringendo i padroni di casa ad attendere il triplice fischio per poter esultare per una vittoria che consentirà all'undici allenato da Vittorio Schifilliti, di tornare in testa in condominio con Santangiolese vittoriosa 3-1 sul campo del Castelbuono e Castelbuonese, sconfitta 1-2 a Rocca di Caprileone dalla Mamertina

Quel pomeriggio di fine autunno in terra taorminese, sarà ricordato anche come quello dei saluti a Rosario Rasà (la punta di Venetico, autore di 10 reti in sole 9 gare disputate con la maglia rossoblù, oggi dall'altra parte della barricata, ma allora in procinto di accasarsi, via Due Torri, con alterna fortuna all'ambizioso Città di Milazzo) ed al tecnico Enzo Borelli, che il martedi successivo avrebbe rassegnato le proprie dimissioni.
Il match di ritorno, il 23 marzo scorso, la partita che si disputò a porte chiuse, assunse particolare rilevanza per via della situazione di classifica dei taorminesi che a 270' dalla conclusione della stagione regolare vantavano due lunghezze di margine nei confronti della Castelbuonese. La gara fu risolta da un calcio di rigore trasformato al 18' da Buda e concesso dall'acese Leotta per un braccio galeotto di Impalà su punizione calciata da Varrica, lasciando tutto immutato a due giornate dalla fine. Ci avrebbe pensato poi la Santangiolese a bloccare lo Sporting e a far riscrivere la storia di uno dei finali di campionato più emozionanti degli ultimi anni.

Realizzazione siti web www.sitoper.it