24 Novembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

TORREGROTTA, E´ STATO PROPRIO UN NOVEMBRE NERO - Contro lo Sporting, primo tempo chiuso sotto di due reti. In gol Cucè nella ripresa.

30-11-2013 20:18 -
39´ Varrica trasforma il rigore del 2-0 per lo Sporting

CAMPIONATO PROMOZIONE SICILIANA 2013/14 - GIRONE B - 13^ GIORNATA DI ANDATA
TAORMINA (ME) - Comunale "Bacigalupo" - sabato 30/11/2013 - ore 14,30


SPORTING TAORMINA - 2
TORREGROTTA - 1


Marcatori: 20' Stracuzzi (ST), 39' rig.Varrica (ST), 74' Cucè (T)

SPORTING TAORMINA: Gulisano, Pino, Trovato, Blatti, Stracuzzi (28' Caminiti), Carastro, Emanuele, Mannino, Totaro, Varrica (74' Licandri), Catania
A disp.: Maisano, Rizzo, La Rosa, Muscarà, Famà
all.: V.Schifilliti

TORREGROTTA: Vinci, Ruggeri, Pirrone (46' Iannello), Cucè, Scibilia, G.Borelli, La Spada, Nanìa, Rasà, Sciliberto, A.Isgrò
A disp.: Schepis, Di Giovanni
all.:E.Borelli

ARBITRO: Salvatore RUNZA di Siracusa
ASSISTENTI: Rosario BLANCO e Giuseppe LIZZIO di Acireale

NOTE: Spettatori un centinaio circa con sparuta rappresentanza torrese. Giornata caratterizzata da pioggia intermittente e temperatura poco al di sopra dei 10°.
Prima dell'inizio è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria del giovane Matteo Roghi tragicamente scomparso lo scorso 24 novembre in occasione della partita fra Amiata e Foiano della Chiana per la categoria Giovanissimi.

ANGOLI: 4-2 per lo Sporting Taormina (p.t.2-1)
RECUPERO: 1' + 2'
AMMONITI: 26' Trovato (ST), 33' Carastro (ST), 38' Pirrone (T), 45' La Spada (T), 56' G.Borelli (T), 65' Iannello (T)
OFF-SIDES: 5-3 per lo Sporting Taormina (p.t.3-2)

Non riesce al Torregrotta di Enzo Borelli, di sovvertire il pronostico dell'anticipo in programma questo pomeriggio al "Bacigalupo". La formazione rossoblù infatti, chiude il novembre nerissimo con una nuova battuta d'arresto , la quarta nei 5 incontri disputati questo mese, cedendo l'intera posta in palio allo Sporting Taormina che di contro, torna al successo dopo il k.o. di Castelbuono e si rimette in corsa nei quartieri alti della graduatoria.
Per Beppe Borelli e compagni, che mancano l'appuntamento con i tre punti dal 27 ottobre scorso (Torregrotta-Ghibellina-3-0), una battuta a vuoto che in attesa dei risultati delle dirette avversarie ed alla luce del concomitante capitombolo casalingo del Castelbuono, potrebbe lasciare immutata la situazione, ma al tempo stesso creare un vuoto tra la zona play-out e quella "franca" della permanenza diretta.
Nel primo tempo, dopo un insidioso calcio di punizione di Rasà dai 20 metri al 17', il cui rasoterra veniva corretto in angolo da un piede galeotto dei locali in area taorminese , l'undici di mr.Schifilliti assume il comando delle operazioni ed alla prima vera occasione verso lo specchio della porta rossoblù, sblocca il risultato con Stracuzzi che al 20', corregge di testa in rete la punizione calciata da Varrica dalla destra.
Il Torregrotta sembra accusare il colpo ed al 25' la squadra in maglia a strisce verticali biancocelesti, va vicina al raddoppio sugli sviluppi di una punizione calciata a sorpresa da Varrica per Trovato che giunto sul fondo, nei pressi del palo alla destra di Vinci, impegna il portiere ospite, che chiude lo specchio salvando in corner.
Al 38' lo Sporting beneficia di un penalty concesso dal siracusano Runza per atterramento di Catania lanciato in piena corsa in area di rigore, ad opera di Pirrone che nell'occasione rimedia l'inevitabile cartellino giallo.
Dal dischetto, Varrica calcia di precisione, insaccando angolatissimo alla sinistra di Vinci, che intuisce la traiettoria ma non può evitare la seconda capitolazione.

Nella ripresa, il Torregrotta rientra dagli spogliatoi più determinato rispetto ai primi 45' e già al 49', vinto un duello a sportellate con Carastro, Rasà, il capocannoniere del girone, trova il modo per tirare verso lo specchio della porta avversaria, ma la sua conclusione questa volta è debole e consente a Gulisano di bloccare in sicurezza.
Al 54' una piccola fiammata locale, mette Catania quasi davanti a Vinci in posizione defilata sulla sinistra, ma l'attaccante dello Sporting giunge con leggero ritardo sulla sfera.
Al 58' Sciliberto intercetta un errato disimpegno della retroguardia taorminese e serve sulla destra Rasà che da posizione decentrata non inquadra la porta. Lo stesso attaccante rossoblù, 4 minuti più tardi, non trova l'impatto giusto con il pallone su invito di Borelli da calcio di punizione.
Al 63', tocca a Iannello, raccogliere il corner di Sciliberto, ma il n.14 in maglia rossa, subentrato ad inizio ripresa, alza la mira.
Quando le lancette indicano che sta per scoccare la mezz'ora della ripresa, Rasà si procura un calcio di punizione dal limite in posizione centrale che Borelli appoggia a Cucè che perfora la selva di gambe in area, mandando il pallone alle spalle di Gulisano, accorciando le distanze per il Torregrotta.
Lo Sporting, che sul 2-0 aveva dato l'impressione di voler tirare i remi in barca, si riorganizza e riesce a respingere le iniziative dei rossoblù che d'ora in avanti non riusciranno quasi mai a portarsi pericolosamente in zona tiro. Lo fa invece la squadra di Schifillit con Totaro che allo scadere del tempo regolamentare si invola sulla sinistra, quindi si accentra ma sulla conclusione trova la valida opposizione di Scibilia che evita un passivo più pesante.
La partita può ritenersi chiusa su questo episodio. Non accade infatti più nulla nei due minuti di recupero concessi dal direttore di gara con, al triplice fischio la contenuta soddisfazione del clan locale e la palpabile delusione in quello ospite che adesso avrà da meditare su questo nuovo passo falso, prima di preparare sin da martedi sera alla ripresa degli allenamenti, il ritorno al Comunale contro la Mamertina.

PER VEDERE LE FOTO, CLICCA QUI

Realizzazione siti web www.sitoper.it