04 Dicembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS

TORREGROTTA, IL COUNTDOWN E’ GIA’ PARTITO – Verso la partitissima del Comunale con il Città di Sant’Agata. Rossoblù festeggiati al rientro da Sinagra. Da oggi parte la preparazione per la sfida dell’anno

12-04-2016 16:00 -
94´ di Sinagra-Torregrotta. La tifoseria torrese (sullo sfondo) si prepara ad applaudire i giocatori rossoblù a fine gara


Appuntamento oggi pomeriggio al “Comunale” per il Torregrotta reduce dal pari di Sinagra e che si appresta a riprendere gli allenamenti nella settimana che porta a quella che è già stata ribattezzata la “partita dell’anno” contro la capolista Città di S.Agata.
Giunta, il tecnico dei rossoblù, dovrebbe poter disporre di tutta la rosa, Rasà compreso, che domenica al “Barone Salleo” ha giocato in condizioni precarie per via del malanno muscolare alla schiena, che di fatto ha impedito al capocannoniere del girone, di allenarsi per buona parte della settimana rimanendo in dubbio fino all’immediatezza del confronto con la squadra di Ioppolo..

Si torna dunque a lavorare in vista del big-match, che arriva dopo un nulla di fatto giunto a conclusione di 90’ tiratissimi e condotti su toni agonistici elevati contro una compagine, il Sinagra, che nell’appuntamento cruciale della propria stagione, ha tirato fuori gli artigli, disputando una gara gladiatoria anche in doppia inferiorità numerica, e a tratti calcisticamente parlando, “feroce” , contro un Torregrotta che ha risposto colpo su colpo agli indomiti avversari, ma che è innegabile abbia lasciato in terra nebroidea due punti comunque pesantissimi.

Alla resa dei conti, cambia poco nell’ottica del match di domenica 17, dal momento che per il Torregrotta ci sarebbe stato un solo risultato a disposizione anche nell’ipotesi di un successo sui giallorossi sinagresi. Di sostanziale, varia piuttosto la prospettiva. Se fino alle 16 di domenica scorsa si poteva parlare di match decisivo per la promozione dell’una o dell’altra formazione, il distacco attuale concede a Leo e soci, l’unica possibilità di acciuffare una eventuale “gara-3” da disputarsi in campo neutro, con mal che vada all’orizzonte, è bene ricordarlo, l’ulteriore finalissima contro una tra Partinico, Castellammare, Nuova Sancis di S.Giuseppe Jato e Casteldaccia, formazioni che stazionano nella griglia play-off alle spalle del già promosso Riviera Marmi.
Di ciò, se n’è reso cosciente il numeroso pubblico di fede torrese accorso in massa per l’ultima trasferta della stagione regolare, che al triplice fischio del signor Mirabella, ha accomunato i propri giocatori in uno scrosciante applauso, avvolgendoli poi in un caloroso abbraccio condito da cori festosi nell’area di servizio del Tindari sulla A20, dove la squadra ha ricevuto il meritato tributo per una stagione comunque vada già fantastica di per sé e destinata a restare indelebilmente negli annali.

Va da sé che indubbiamente sarebbe stato ideale disputare i 90’ del Comunale con la freccia accesa (…), ma sarebbe ingeneroso nei confronti del tecnico, che sia ben chiaro, non cerca alibi, e del suo roster, non tenere conto di come si sia dovuto fare i conti con le motivazioni di un avversario irriducibile, l’ennesimo di una fase del campionato, nella quale i rossoblù, va ricordato, a partire dalla trasferta di Mistretta, hanno avuto nel calendario un imprevedibile e beffardo avversario aggiunto, dovendo affrontare compagini che vuoi per motivi di prestigio (Mistretta e Jonica), vuoi per le ambizioni di un rientro in extremis nel giro play-off (Barcellona), vuoi infine per necessità reali di classifica (Camaro e Sinagra), hanno affrontato l’undici del presidente Sindoni, tutte con l’occhio della tigre e senza esclusione di colpi, in quelle che nel gergo in voga a fine stagione, vanno collocate tra le poche “partite vere” di questo scorcio di torneo.

L’attesa è frattanto già palpabile e non v’è dubbio che sarà una settimana di grande trepidazione su ambo i fronti per una gara che all’atto della stesura dei calendari, difficilmente si poteva ipotizzare sarebbe stata così importante e decisiva. Così invece sarà, con in agguato una soluzione allo spareggio, che soltanto il 15% dei nostri amici visitatori aveva pronosticato nel sondaggio proposto due settimane addietro, ma che potrebbe divenire concreta qualora Giunta ed i suoi, riuscissero nell’impresa di bissare il risultato del 19 dicembre scorso al “Micale”.

Già partita, anche se ad onor del vero era iniziata da qualche settimana, la caccia al biglietto, con uno stock di tagliandi inviato alla società santagatese e con numerosissime richieste provenienti dall’intero hinterland che copre la fascia da Villafranca Tirrena a Milazzo e parecchie altre dallo stesso capoluogo, per assistere all’evento della stagione.
Mentre la società ha quindi già avviato le operazioni organizzative per garantire lo svolgimento dell’evento all’insegna della massima sicurezza, spetterà a Giunta e Bonarrigo, il compito di accompagnare nelle migliori condizioni psico-fisiche possibili, Angelo Bonaffini e i suoi compagni di questa fantastica cordata, verso una partita che di motivazioni ne ha già a iosa e si prepara da sé, per un epilogo che più bello per il campionato di Promozione, per la Torregrotta sportiva tornata a stringersi in simbiosi alla sua squadra e per l’ASD giunta al 43mo anno dalla sua fondazione, non poteva esserci.
Scatti pure il countdown, Torregrotta-Città di S.Agata è già iniziata.

Realizzazione siti web www.sitoper.it